Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La pregiudizialità tra le questioni del processo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 per le quali accanto all'obbligo decisorio sussiste un dovere di trattarle e deciderle secondo un preciso ordine capace di limitare quella discrezione che ordinariamente, in virtù della posizione che il giudice ricopre nel processo, deve essergli riconosciuta. In particolare, si vedrà che come la configurabilità di un siffatto ordine decisorio riguardi solo alcune questioni processuali tra le quali è giuridicamente intuibile una relazione logica e giuridica necessaria, talché non potrebbe decidersi dell'una senza una previa accertamento dell’altra (almeno che non si voglia affermare, assumendo in thesi la postulazione dell'ordine decisorio, l'ammissibilità di una decisione implicita) – si pensi, ad es., al rapporto tra la giurisdizione e la competenza, tra la legittimazione alla causa e l'interesse ad agire – ovvero la decisione dell'una in difetto dell'accertamento della questione a quella pregiudiziale si collocherebbe in uno stato d'insanabile contrasto con in principi cui s'informa l'ordinamento processuale vigente: si potrebbe pensare, allora, alle conseguenze per una sentenza con la quale il giudice abbia declinato la propria competenza omettendo di disporre l'integrazione del contraddittorio ex art.102 e del cui difetto una parte si dolse. Laddove si riuscisse a dimostrare la fondatezza giuridica del ragionamento teso ad evidenziare la ragione sufficiente dei rapporti di priorità logica tra talune questioni di rito vincolanti per il giudice, l'attenzione non potrebbe che essere portata sugli effetti della eventuale loro violazione; e tale disamina, anche per

Anteprima della Tesi di Raffaele Fenso

Anteprima della tesi: La pregiudizialità tra le questioni del processo, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Raffaele Fenso Contatta »

Composta da 369 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2590 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.