Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I conflitti interorganici (la nozione di potere nella giurisprudenza costituzionale)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Soprattutto a partire dagli anni novanta, i risultati di questo intenso lavoro contribuiranno in modo decisivo all’ampliamento dell’ambito soggettivo del conflitto, risultando per un verso “rivoluzionari” della stessa nozione di potere. Si pensi alla possibilità che il singolo parlamentare sollevi conflitto a tutela di sue attribuzioni 4 o, ancora, alla legittimazione processuale di un qualsiasi Ministro 5 . Si è avverato almeno nel secondo degli esempi citati, uno di quei casi che la dottrina ha definito di “scuola” o “difficili”. “Dal che, oltre ad una gradita conferma” - scriveva un giurista che aveva previsto l’eventuale ammissibilità di un conflitto sollevato da un Ministro - “…si dovrebbe ricavare forse un ulteriore suggerimento: di attenersi in futuro ad un contegno di scaramantica prudenza nel prospettare casi di scuola 6 ”. Questa non è che un’implicita conferma dell’importanza, ai fini dell’elaborazione della nozione di potere, del contributo giurisprudenziale; contributo attraverso cui la Corte è riuscita, non solo ad ampliare e rinnovare il concetto di potere ma anche, a rendere operante la relativa disciplina e con essa lo stesso conflitto. 4 Per la verità si tratta solo di una possibilità prevista dalla Corte nell’ord.177/98. 5 Infatti, nel conflitto deciso con la sent.7/96, non rilevava tanto lo status di Ministro guardasigilli del ricorrente, ma la mozione di sfiducia individuale contro il singolo Ministro genericamente considerato. 6 L’espressione appartiene a BIN, L’ultima fortezza, op. cit.

Anteprima della Tesi di Stefania Pone

Anteprima della tesi: I conflitti interorganici (la nozione di potere nella giurisprudenza costituzionale), Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Stefania Pone Contatta »

Composta da 133 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3756 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.