Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I conflitti interorganici (la nozione di potere nella giurisprudenza costituzionale)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Si comprende pertanto la possibilità che il parametro possa essere costituito anche da norme non formalmente costituzionali 2 . La giurisprudenza della Corte conferma quest’indirizzo; in alcune pronunce il parametro è stato integrato con norme di legge ordinaria 3 , in altre persino con norme di regolamento parlamentare e consuetudini costituzionali 4 . Come si è detto prima, l’eterogeneità delle norme parametro è stata anche la conseguenza del mutamento della tipologia dei conflitti. Superata l’idea che i conflitti nascono sempre da una “vindicatio potestatis 5 ”, oggi è più probabile - forse più credibile - che l’organo ricorrente lamenti il cattivo uso di competenze altrui, non essendo contestata la relativa titolarità. Si pensi ad un conflitto tra Camera e autorità giudiziaria in relazione all’art. 68 Cost.: i giudici, di fronte ad una delibera di insindacabilità per le opinioni espresse da un parlamentare, possono adire la Corte, 2 Già SORRENTINO, I conflitti di attribuzione tra i poteri dello Stato in Riv. Trim. d. Pubb., pag. 705, distingueva tra individuazione del potere, basata su norma formalmente costituzionale, ed oggetto del giudizio, perché "le norme sulla competenza possono essere anche legislative e consuetudinarie". 3 Sent. 69/78. A volte il parametro sembra essere costituito soltanto da norme di legge ordinaria: nel conflitto tra Presidente del consiglio e procura delle Repubblica (sent. 110/98) il fondamento delle attribuzioni del ricorrente - in materia di opposizione del segreto di stato - solo in senso molto generale può ricondursi alla Costituzione piuttosto che non alla legge 801/1977. 4 Sent. 7/96. 5 La Corte nella sent.129/81 ha affermato che “il conflitto non si restinge alla sola contestazione circa l’appartenenza del medesimo potere ma si estende a comprendere ogni ipotesi in cui dall’illegittimo esercizio di un potere altrui consegue la menomazione della sfera di attribuzioni costituzionalmente assegnata all’altro soggetto”.

Anteprima della Tesi di Stefania Pone

Anteprima della tesi: I conflitti interorganici (la nozione di potere nella giurisprudenza costituzionale), Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Stefania Pone Contatta »

Composta da 133 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3753 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.