Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Bibbia nel Breviloquium di Ockham. La funzione argomentativa delle citazioni scritturali nel dibattito tra Ockham e i sostenitori della teocrazia pontificia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 Capitolo I. Il Breviloquium e il suo tempo. Il retroterra storico e filosofico del Breviloquium. Prima di illustrare il lavoro che intendo svolgere sul Breviloquium 1 di Guglielmo di Ockham, è opportuno inquadrare storicamente l’opera all’interno del suo pensiero politico. A partire dal 1324, quando venne convocato ad Avignone per rispondere a un’accusa d’eresia, le vicende biografiche del filosofo francescano sono abbastanza note: prima il suo coinvolgimento a sostegno della causa francescana, in appoggio al generale dell’Ordine Michele da Cesena contro il papa Giovanni XXII; poi la fuga, nel maggio del 1328, dalla sede papale; infine il rifugio, in un primo tempo a Pisa e poi a Monaco, sotto le insegne della casa imperiale. Qui Ockham abbandonò le ricerche filosofiche e teologiche per dedicarsi alla stesura di numerosi scritti polemici di carattere politico – ecclesiologico. La prima grande polemica che coinvolse Ockham sarà quella per la difesa della povertà francescana. La questione, come vedremo, è abbastanza intricata ed ha radici che affondano nel problema della corretta interpretazione della Regola francescana: nel 1321, infatti, l'inquisitore domenicano Jean de Beaune condannò un simpatizzante dei francescani spirituali, un “beghino”, perché avrebbe sostenuto la tesi secondo cui Cristo e gli apostoli, da un punto di vista 1 GUILELMUS DE OCKHAM, Breviloquium de principatu tyrannico, in Opera politica, a cura di H. S. Offler, vol. IV, Oxford University Press, Manchester 1997, pp. 97 - 260. È utile ricordare che l’edizione critica delle opere politiche di Ockham si trova nei quattro volumi curati da Offler e pubblicati dal 1956 al 1997. Tutte le citazioni saranno riferite a quest’edizione riportando il volume in numeri romani, e la pagina in numeri arabi. Solo del Dialogus non esiste ancora un’edizione critica che è ancora in fase di completamento, a cura di J. Kilcullen e J. Scott. E’ tuttavia possibile accedere alla parte del testo già ultimata attraverso il sito internet http://www. Britac.ac.uk/ockdial. Per il Dialogus, quindi mi riferirò alla numerazione dei capitoli senza riportare il numero di pagina.

Anteprima della Tesi di Gabriele Clemente

Anteprima della tesi: La Bibbia nel Breviloquium di Ockham. La funzione argomentativa delle citazioni scritturali nel dibattito tra Ockham e i sostenitori della teocrazia pontificia, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Gabriele Clemente Contatta »

Composta da 131 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1407 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.