Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Disciplina fiscale e commercio elettronico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

19 mezzo di un determinato sito (si tratta dei cc.dd. contratti “point and click”). Per quanto riguarda i contratti conclusi attraverso la posta elettronica, trova applicazione la regola stabilita dall’art. 14, comma 1, del citato d.P.R. n. 445/2000, in base alla quale “il documento informatico trasmesso per via telematica si intende inviato e pervenuto al destinatario se trasmesso all’indirizzo elettronico da questi dichiarato”. Questa norma non chiarisce cosa debba essere inteso per “indirizzo”, né alcuna definizione di tale espressione è data dall’art. 1335 cod. civ. il quale dispone, in via generale, che “La proposta, l’accettazione, la loro revoca e ogni altra dichiarazione diretta a una determinata persona si reputano conosciute nel momento in cui giungono all’indirizzo del destinatario, se questi non prova di essere stato, senza sua colpa, nell’impossibilità di averne notizia”. La risposta più convincente e accreditata a tale quesito pare quella che attribuisce al termine in esame il significato di “luogo più idoneo per la ricezione”, vale a dire il luogo indicato dal destinatario o, in mancanza, determinato in base ad un criterio di collegamento ordinario (dimora o domicilio) o di normale frequentazione (luogo ove si esplica l’attività lavorativa o dove è localizzato il proprio centro di affari) 11 . Applicando tali principi nel campo del commercio elettronico, può, dunque, concludersi nel senso che, per i contratti stipulati tramite posta elettronica, il momento perfezionativo – secondo la normativa italiana – è quello in cui l’accettazione giunge all’indirizzo di posta elettronica indicato dal proponente stesso, sempre che questi non dimostri di essere stato, senza sua colpa, nell’impossibilità di averne conoscenza. 11 Cfr. Cass. Civ. 12 ottobre 1991, n. 10751.

Anteprima della Tesi di Cristiano Garbarini

Anteprima della tesi: Disciplina fiscale e commercio elettronico, Pagina 13

Tesi di Dottorato

Dipartimento: istituto di diritto finanziario

Autore: Cristiano Garbarini Contatta »

Composta da 306 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5042 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.