Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'esercizio della professione forense da parte di avvocati di common law in Italia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione Le domande alle quali nel corso di questa trattazione cercheremo di dare risposta sono di grande interesse attuale e pratico. Quali e quante sono le barriere esistenti al momento in seno all'Unione Europea per quanto concerne i servizi legali prestati da avvocati di common law? Può un avvocato inglese svolgere la sua attività professionale in Italia o in qualsivoglia altro stato dell'Unione Europea? Un avvocato statunitense ha le stesse possibilità? Ma soprattutto: potranno svolgere le stesse attività degli avvocati italiani? Che nell’ultimo trentennio lo sviluppo dei servizi transfrontalieri si sia intensificato in modo vertiginoso e così parimenti tutto l’assetto economico e commerciale mondiale è un dato incontestabile: ci troviamo di fronte al fenomeno della cosiddetta “globalizzazione”, termine tanto generale quanto fraintendibile, dati i numerosi aspetti sociali, politici ed economici che implica. In particolar modo è da prendere atto che la domanda di servizi legali transnazionali, determinato dall’integrazione europea e dai rapporti sempre più stretti fra i vari membri, ha portato ad una profonda rivisitazione oltre che modificazione del ruolo dell’avvocato e della professione legale in genere. Viene inoltre spesso affermato che l’Unione Europea è una costruzione giuridica e, dal momento che un'affermazione del genere è sostanzialmente corretta, viene da sé la considerazione di quanto in un tale contesto siano importanti i giuristi. La questione della libertà d’esercizio della professione d’avvocato, all’interno della Comunità Europea, ha avuto sempre una particolare rilevanza nel processo d’unificazione ed inoltre la collocazione delle professioni liberali in genere nella sistematica del Trattato di Roma ha comportato un'erosione lenta delle tradizionali posizioni tese a salvaguardare la specificità del mercato

Anteprima della Tesi di Lorenzo Nizzi Grifi

Anteprima della tesi: L'esercizio della professione forense da parte di avvocati di common law in Italia, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Lorenzo Nizzi Grifi Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2443 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.