Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'esercizio della professione forense da parte di avvocati di common law in Italia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

• In secondo luogo ai sensi della direttiva 89/48 essa costituisce una professione “regolamentata”, ossia, a norma dell’art.1, « un’attività professionale per la quale l’accesso alla medesima o una delle modalità di esercizio dell’attività in uno Stato membro sono subordinati, direttamente o indirettamente mediante disposizioni legislative, regolamentari o amministrative, al possesso di un diploma». • E’ inoltre una professione, sempre secondo la direttiva 89/48, il cui esercizio richiede una precisa conoscenza del diritto nazionale e la consulenza e l’assistenza nelle materie del diritto nazionale ne sono un elemento essenziale. • Infine la professione forense è assoggettata alle disposizioni del Trattato relative al diritto di stabilimento e alla libera prestazione di servizi, in quanto non presuppone, così come è previsto dall’art. 43 del Trattato, alcuna partecipazione ai pubblici poteri. Quest’ultimo punto poi è stato ulteriormente chiarito dalla sentenza Reyners, una sentenza un po’ risalente nel tempo, ma di estrema importanza 8 . Tutta questa ricostruzione ha valore sistematico, riepilogativo, ma bisognerà tenere sempre ben presente il fatto che l’attenzione del legislatore comunitario così come della giurisprudenza si concentrerà sempre non sulla professione in sé e per sé quanto su specifiche attività legate ad essa. Questo perché è l’approccio pragmaticamente più idoneo a far convivere insieme le esigenze comunitarie e le differenti e talvolta contrastanti discipline dei singoli Stati. Tutte queste valutazioni non devono far pensare che al momento esistano insormontabili difficoltà nel creare una figura unica di avvocato e europeo. Esiste al momento un notevole scambio di professionisti legali fra i vari paesi europei e la legislazione sviluppata nell’ultimo trentennio e a cui abbiamo 8 Per un’analisi dei fatti e contenuti della sentenza Reyners vedi il paragrafo n. 2.3.1

Anteprima della Tesi di Lorenzo Nizzi Grifi

Anteprima della tesi: L'esercizio della professione forense da parte di avvocati di common law in Italia, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Lorenzo Nizzi Grifi Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2443 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.