Skip to content

La circolazione dei beni culturali nella Comunità europea

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
costumi della guerra terrestre, annesso alla II Convenzione dell’Aja del 1899 11 . All’interno di questo regolamento si sottolineano in modo particolare i rischi insiti nelle operazioni militari di bombardamento e si enuncia l’obbligo dei belligeranti di adottare tutte le misure necessarie a salvare, nei limiti del possibile, gli edifici consacrati alle arti e alle scienze (sempre che non siano adibiti a scopi militari). Anche con il Trattato di Pace di Parigi del 10 febbraio 1947 12 , successivo alla seconda guerra mondiale, si regolò la materia dei beni culturali, ispirandosi al principio della reintegrazione dei patrimoni dei rispettivi Paesi belligeranti, mentre una piena salvaguardia dai rischi della guerra si ha solo con l’apposita convenzione dell’Aja del 14 maggio 1954 13 . Con questa convenzione, infatti, si toccano sia i temi riguardanti la sottrazione dei beni, quale preda bellica, sia quelli riguardanti il loro danneggiamento. In quella sede venne conferito al bene culturale uno status di garanzia, che per vari aspetti si richiama alle regole che valgono per le formazioni sanitarie. Nello specifico, le norme della Convenzione vietano l’asporto dei beni cultuali ed escludono che essi possano essere oggetto di cattura o di confisca, affermando così 11 Regolamento sulle leggi e costumi di guerra terrestre annesso alla II Convenzione conchiusa all’Aja il 29 luglio 1899, approvata dall’assemblea federale il 17 giugno 1907, entrata in vigore il 28 giugno 1907. CS 11 373; FF 1900 III 1, 1907 I 824 ediz. ted. 1900 III 73, 1907 II 134 ediz. francese. Relativamente alle convenzioni per la tutela dei beni culturali in tempo di guerra vi è anche un Regolamento annesso alla IV Convenzione del 18 ottobre 1907, sul bombardamento da parte delle forze navali. Cfr. FRIGO, La circolazione internazionale dei beni culturali, op. cit., pagg. 89 e ss. 12 Reso esecutivo in Italia con D.Lgs. del Capo provvisorio dello Stato 28 novembre 1947, n. 1430, è pubblicato in Suppl. n. 295 alla G.U. del 24 dicembre 1947. L’art. 75, § 2 del Trattato con l’Italia dispone esattamente che “L’obbligo di restituire si applica a tutti i beni identificabili che si trovino attualmete in Italia e che siano stati sottratti con la violenza o la costrizione dal territorio di una delle Nazioni Unite, da qualunque delle Potenze dell’Asse, qualunque siano stati i successivi negozi mediante i quali l’attuale detentore di tali beni se ne sia assicurato il possesso”. Il punto 9 dell’art. 75 contiene, invece, un obbligo di tipo riparatorio per l’equivalente, nella sola ipotesi si impossibilità di restituzione del bene: “Se in casi specifici fosse impossibile per l’Italia di effettuare la restituzione di oggetti aventi un valore artistico, storico od archeologico e appartenenti al patrimonio culturale delle Nazioni Unite dal territorio della quale tali oggetti vennero sottratti con la violenza o la costrizione da parte delle Forze Armate delle autorità o di cittadini italiani l’Italia si impegna a consegnare alla Nazione Unita interessata oggetti della stessa natura e di valore approssimativamente equivalente a quello degli oggetti sottratti, in quanto siffatti oggetti possano procurarsi in Italia”. 13 Convention for the Protection of Cultural Property in the Event of Armed Conflict, Regulations for the Execution of the Convention and Protocol. La Convenzione è entrata in vigore il 7 agosto 1956. L’Italia ha ratificato la Convenzione con L. 7 febbraio 1958, n. 279, pubblicata in G.U. (suppl. ord.) dell’11 aprile 1958, n. 87, è in vigore dal 9 agosto 1958. Alla data del 9 aprile 2002 via avevano aderito 103 Stati (tabella relativa allo stato delle ratifiche, sito www.unesco.org).
Anteprima della tesi: La circolazione dei beni culturali nella Comunità europea, Pagina 9

Preview dalla tesi:

La circolazione dei beni culturali nella Comunità europea

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Claudia Meneghin
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Lucia Serena Rossi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 168

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

beni culturali
unidroit
diritto internazionale
circolazione dei beni culturali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi