Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il management del settore radiofonico e le sfide della multimedialità: analisi di casi emblematici

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2. Lo sviluppo dei mass media: la radio in particolare In qualunque regione italiana ci si trovi, accendendo un apparecchio ricevente si può scegliere tra una svariata offerta di segnali. Le due bande tradizionalmente più utilizzate per il servizio di broadcast sono le onde medie (Am) e la modulazione di frequenza (Fm). La prima (salvo rari casi) è dai lontani anni venti solo appannaggio dell’emittente di stato, essendo alquanto costosa la manutenzione e la gestione degli impianti di trasmissione in questo range di frequenze. Le onde medie offrono comunque la possibilità di raggiungere un bacino più vasto con una sola frequenza, con tutti i vantaggi che ne derivano. La Rai ha introdotto questa tecnologia in modo piuttosto improprio, e soprattutto immaginando che la situazione di monopolio si sarebbe mantenuta costante. Questo ha comportato la creazione di un numero molto elevato di trasmettitori di bassa potenza, che irradiano il segnale su un numero spropositato di frequenze con un sistema a «macchia di leopardo» che non aiuta affatto la ricezione. Inoltre il criterio di copertura è stato territoriale e non demografico o di spostamento, senza curarsi dell’esistenza dei centri urbani e delle grandi arterie di comunicazione che all’epoca non esistevano neppure. Purtroppo però non è stato neppure in seguito possibile riorganizzare la distribuzione del segnale radiofonico statale: due sole emittenti, Radio1 e Radio2, godono di una copertura teoricamente completa del territorio, mentre il terzo canale ha una copertura sensibilmente inferiore. La modulazione di frequenza invece viene utilizzata, oltre che dalla Rai, anche da numerose altre emittenti. Ha permesso la nascita delle radio libere e private e ne ha condizionato il formato, che è stato mutuato da quello delle analoghe radio sorte in precedenza nei paesi anglosassoni. La sua maggiore duttilità rende quindi agevole la trasmissione in stereo ed è più adatta alla musica. Prima di proseguire nell’analisi è bene soffermarsi su una distinzione importante, quella tra «radio libere» e «radio private». Dal punto di vista etimologico il termine ‘libero’ significa «che non ha padrone, che ha piena libertà di azione e di movimento». L’aggettivo ‘privato’ indica «qualcosa che è proprio della persona, non pubblico e non comune ad

Anteprima della Tesi di Federico Stella

Anteprima della tesi: Il management del settore radiofonico e le sfide della multimedialità: analisi di casi emblematici, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Federico Stella Contatta »

Composta da 199 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2048 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.