Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo sviluppo della tecnica metaforica ed il ruolo del narratore in quattro opere del primo William Golding: ''The Inheritors''(1955), ''Pincher Martin''(1956), ''Free Fall''(1959) e ''The Spire''(1964)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

La tesi è suddivisa in un’introduzione e quattro capitoli. L’introduzione all’autore e alla sua epoca fornisce alcune indicazioni di storia letteraria ed un orientamento sul contenuto delle quattro opere prese in esame. I quattro capitoli centrali sono dedicati rispettivamente a Pincher Martin (1956), The Inheritors (1955), Free Fall (1959) e The Spire (1964), facendo però attenzione a eventuali raffronti fra i quattro testi. Seguono una conclusione generale sugli obiettivi raggiunti (o meno!), una breve scheda biografica sull’autore, una bibliografia dei testi primari e secondari consultati e una lista delle opere successive dello scrittore. Quasi tutti i libri di Golding sono editi da Faber and Faber, la prima casa editrice ad aver acconsentito a pubblicare Lord of the Flies. Il titolo stesso del romanzo è stato suggerito da T. S. Eliot, a quel tempo uno dei collaboratori alle pubblicazioni della Faber and Faber. Un breve appunto sulle traduzioni. I quattro testi sono stati da me tradotti non solo per evidenziare alcuni usi specifici legati alle immagini metaforiche, ma soprattutto per l’oggettiva impossibilità di reperire queste traduzioni. Della lista delle edizioni italiane riportata nella bibliografia, ben pochi titoli sono realmente a disposizione nelle librerie. Per semplificare le note a piè di pagina, ho inserito le seguenti sigle al posto dei titoli di opere di Golding: LF Lord of the Flies IN The Inheritors PM Pincher Martin FF Free Fall SP The Spire HG The Hot Gates MT A Moving Target

Anteprima della Tesi di Luigi Gussago

Anteprima della tesi: Lo sviluppo della tecnica metaforica ed il ruolo del narratore in quattro opere del primo William Golding: ''The Inheritors''(1955), ''Pincher Martin''(1956), ''Free Fall''(1959) e ''The Spire''(1964), Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Luigi Gussago Contatta »

Composta da 198 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2022 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.