Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo sviluppo della tecnica metaforica ed il ruolo del narratore in quattro opere del primo William Golding: ''The Inheritors''(1955), ''Pincher Martin''(1956), ''Free Fall''(1959) e ''The Spire''(1964)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

INTRODUZIONE: GOLDING ED IL SUO TEMPO Con The Spire Golding sceglie nuovamente un’epoca storica remota, il medioevo. Il protagonista del libro, il decano Jocelin, aspira a costruire una guglia di 400 piedi (122 metri circa) a coronamento della grandiosa cattedrale di cui è capo spirituale. Nel corso dei lavori la chiesa subisce un grave decadimento a causa dei danni all’edificio e dell’uccisione del custode da parte degli operai proprio all’incrocio delle navate. A poco a poco Jocelin comprende che l’ambizione, non la fede, lo hanno spinto ad un’impresa così grandiosa, e che la sua benevolenza verso Goody, la moglie del custode, era dettata da un oscuro desiderio sessuale nei suo confronti. Dopo essere stato dimesso dal suo incarico di decano a causa degli avvenimenti spiacevoli all’interno della chiesa, Jocelin tocca il fondo dell’umiliazione quando finisce braccato dalla folla inferocita che vede in lui il responsabile di tutte le sciagure avvenute. L’estrema sottomissione fisica del decano lo arricchisce di un nuovo senso spirituale della vita, regalandogli una morte serena. Le recensioni di questo nuovo romanzo sono generalmente entusiastiche. Frank Kermode, deluso da Free Fall, giudica molto positivamente The Spire, rilevando come esso si allontani da qualunque corrente letteraria del momento. Dopo questa descrizione sommaria dei quattro intrecci, diamo ora spazio all’analisi dello stile e della tecnica narrativa.

Anteprima della Tesi di Luigi Gussago

Anteprima della tesi: Lo sviluppo della tecnica metaforica ed il ruolo del narratore in quattro opere del primo William Golding: ''The Inheritors''(1955), ''Pincher Martin''(1956), ''Free Fall''(1959) e ''The Spire''(1964), Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Luigi Gussago Contatta »

Composta da 198 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2022 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.