Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Rapporto tra sviluppo politico e sviluppo economico: il caso argentino

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Questa tesi si contrappone a quella dominante sino a quel periodo che profettizava un unico modello di sviluppo per tutti paesi, secondo la linea tracciata negli anni ’60 da Rostow e dalla sua teoria degli stadi su cui si basava la "teoria della modernizzazione". 1.2. La teoria della modernizzazione La cornice all’interno della quale si sviluppa la teorie della modernizzazione è costituita principalmente da due elementi: l’evoluzionismo e lo struttural-funzionalismo. Il primo elemento si rifà al pensiero di Spencer, Durkheim e altri che ha trovato supporto nella teoria darwiniana dell’evoluzione la quale, secondo Mutti (1973) si basa su quattro elementi fondamentali: • l’affermazione dell’esistenza di leggi naturali immanenti sulle quali poggia lo sviluppo sociale dell’uomo; • il carattere dell’universalità di queste leggi; • l’idea di un processo continuo, cumulativo e irreversibile che comporta il passaggio da forme di organizzazione sociale semplici a forme di organizzazione via via più complesse, secondo una sequenza prefissata di stadi; • l’esistenza di un processo evolutivo di tipo graduale, indotto esclusivamente da forze endogene al sistema considerato. Il secondo elemento si rifà, invece, allo struttural-funzionalismo di Parsons (1951) e in particolare al suo “pattern variables”. L’obiettivo di questa scuola di pensiero è di determinare i fattori che sottostanno al funzionamento di un determinato sistema sociale che acquista, nel pensiero di Parsons, un’importanza fondamentale. Il principale obiettivo di questo autore è individuare i meccanismi che agiscono per prevenire e affrontare minacce all’ordine esistente, ossia individuare i meccanismi che permettono la conservazione del sistema sociale. Questa è una visione, diciamo, statica della visione struttural-funzionalista, ma vi è anche una visione, per i nostri fini più utile, di tipo dinamica che è stata affrontato in due modi (Mutti, 1973): • un’analisi delle relazioni sociali attraverso le variabili strutturali o “pattern variables”; • un’analisi del mutamento sociale in base al modello differenziazione- integrazione strutturale. La prima analisi prende in considerazione le cinque variabili del modello di Parsons (pattern variables) tramite le quali è possibile differenziare le società per il loro diverso grado di modernizzazione. Il “pattern variables” prospetta un passaggio: • dal particolarismo all’universalismo, da una situazione come quella caratteristica della società tradizionale dove l'uomo è valutato in quanto essere

Anteprima della Tesi di Roberto Locci

Anteprima della tesi: Rapporto tra sviluppo politico e sviluppo economico: il caso argentino, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Roberto Locci Contatta »

Composta da 90 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3616 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.