Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Saba prima del ''Canzoniere'': ''Poesie'' (1911)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 questo avvenga perché nonostante l’unità tematica, manca in questi sonetti la continuità narrativa. Più interessanti tematicamente i tre sonetti della “corona” Heu pudor, che perfettamente in linea con la tradizione giambica, attaccano fortemente la civiltà moderna accusandola d’ipocrisia e di viltà e contrapponendo i ladri di oggi agli schietti ladri dei tempi passati, di cui si erge a simbolo Vanni Fucci: questi, seppur ladro e bestemmiatore, aveva almeno il coraggio delle sue azioni. Anche in questa “corona” non si riscontra alcuna ripresa tra sonetti contigui, se non parzialmente tra il primo al v.14: “Questa terra di Fucci e di Bonturi” e il secondo al v.1: “No. Vanni Fucci in faccia a Dio rubava”. A differenza della “corona” precedente, manca la continuità narrativa e i tre sonetti potrebbero altrettanto bene figurare distinti, pur essendo forte l’unità tematica e d’ispirazione. Nella “corona” Omero nelle Rime Nuove, Carducci si pone ancora come laudator temporis acti e canta la sua ammirazione per il grande poeta greco, concludendo però con un finale a sorpresa: la terra è ormai un tribunale immondo in cui nessuno sarebbe disposto a dare un soldo a Omero. Un legame lessicale è riscontrabile tra il v.14 del secondo sonetto: “Perenne splenderà col sole Omero” e il v.1 del terzo sonetto: “E sempre a te co’l sole [...]”, ma nonostante ciò, anche in questo caso non si assiste ad uno sviluppo narrativo, giacché in particolare il terzo sonetto in cui Carducci rievoca alcuni passi dell’Odissea, si distacca dai precedenti e prepara a quel finale a sorpresa di cui si è appena detto. Il Ça ira è una serie di dodici sonetti dove il poeta ricorda i tragici eventi del 1792, basandosi soprattutto su testimonianze libresche. Pur trattandosi di una rivisitazione di eventi diacronicamente disposti, non c’è nessun legame lessicale tra sonetti contigui, anzi essi sono singole scene in cui è fissato un momento determinato e preciso. Tuttavia anche la lezione del Ça ira, sarà fondamentale per alcuni sonetti sabiani in cui la narratività è completamente assente e in cui predomina invece il gusto del bozzetto (cfr. p.116).

Anteprima della Tesi di Cristina Gavagnin

Anteprima della tesi: Saba prima del ''Canzoniere'': ''Poesie'' (1911), Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Cristina Gavagnin Contatta »

Composta da 339 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7387 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.