Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il nuovo regime d'imputazione delle circostanze aggravanti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Attraverso questo sistema di circostanze, il legislatore ha raggiunto due fondamentali obiettivi. Per un verso il potersi basare su un insieme di circostanze che incidono concretamente sulla gravit� della fattispecie di rea- to, consente di meglio modulare la pena all�effettivo disvalo- re del reato compiuto. Per l�altro verso consente di non lasciare alla sola discrezio- nalit� del giudice l�irrogazione della pena. Questa discrezionalit� si va ad aggiungere alle disposizioni dell�art. 133 c.p. che modula l�irrogazione della pena per il reato base; anche in questo caso restringendo la discrezionali- t� del giudice 4 . Il giudice deve prima di tutto stabilire la pena base attraverso le disposizioni dell�art. 133 c.p., e poi se ci sono gli aumenti e le diminuzioni delle circostanze. L�affermazione della natura accessoria della circostanza, in modo da farla sottostare ad una struttura normativa principale pone un nuovo problema. Si tratta di capire quando la previsione normativa di un dato elemento corrisponde ad una variazione di pena, e quando, in

Anteprima della Tesi di Francesco Bassi

Anteprima della tesi: Il nuovo regime d'imputazione delle circostanze aggravanti, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesco Bassi Contatta »

Composta da 198 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1397 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.