Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il nuovo regime d'imputazione delle circostanze aggravanti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

La prima riguarda i reati a consumazione anticipata, che re- primono la condotta volta alla realizzazione di un determina- to reato la cui produzione comporta una pena pi� grave. In questi casi l�evento criminoso � sicuramente desiderato dall�agente essendo esso oggetto della rappresentazione della fattispecie di reato. In base all�art. 59, 1� co., c.p., che ha espressamente ammes- so la possibilit� �che la legge disponga altrimenti� rende tale ipotesi compatibile con la previsione circostanziale 7 . La seconda serie � caratterizzata dalle figure che con le paro- le del Vassalli �esauriscono in se stesse la previsione penali- stica dell�evento ulteriore�. Si tratta d�ipotesi in cui l�evento non � riconducibile ad alcuna diversa ipotesi di reato, ma � considerato solo come conseguenza di un determinato reato. Qui l�ipotesi � compatibile sia con la fattispecie circostanzia- le sia con il reato autonomo; per dipanare la matassa bisogna rifarsi ai sistemi suddetti 8 . L�ultima ipotesi riguarda i reati il cui evento ulteriore (es.: le- sione o morte) non deve essere voluto, altrimenti diventa in- dice di una diversa fattispecie di reato che va applicata a tale titolo.

Anteprima della Tesi di Francesco Bassi

Anteprima della tesi: Il nuovo regime d'imputazione delle circostanze aggravanti, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesco Bassi Contatta »

Composta da 198 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1397 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.