Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il posizionamento strategico come fonte del vantaggio competitivo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Con il proprio contributo, Ansoff (1965) propone il superamento dell’approccio basato su una visione ampia della strategia e precisa che, con questo concetto, si intende la scelta del sistema di prodotti che l’impresa vuole realizzare e dei mercati ai quali intende rivolgere la sua attenzione per la loro vendita, dedicando, quindi, grande attenzione ai contenuti delle decisioni strategiche che, in primo luogo hanno riguardo alla definizione dei rapporti con l’esterno più che alla gestione dei problemi interni, e in ogni caso non riguardano i fini e gli obiettivi dell’impresa, ma solo i mezzi necessari a raggiungerli 3 . Anche secondo l’autore americano, perciò, il problema strategico riguarda la ricerca dell’equilibrio tra l’impresa e l’ambiente che, a differenza dell’approccio classico, non è, tuttavia, considerato nella dimensione generale, comprensiva anche dell’aspetto sociale, ma esclusivamente nella sua dimensione competitiva. Questa visione limitata dell’ambiente, porta l’autore ad individuare nella scelta della combinazione prodotto/mercato la condizione da ricercare al fine di favorire l’equilibrio dell’impresa nei confronti del proprio sistema di mercato. Per quanto concerne il processo di formulazione della strategia l’opinione dell’autore è che esso si sviluppi all’interno della pianificazione strategica, la cui realizzazione rientra nella responsabilità operativa del management, mentre la formulazione degli obiettivi, processo ben distinto da quello della strategia, è di competenza dei proprietari delle risorse finanziarie dell’impresa. È quindi possibile sottolineare come il fatto di includere o meno i fini dell’impresa nel concetto di strategia sottende due diversi modi di concepire il processo formulativo della strategia stessa e, conseguentemente, l’impresa nonché il governo della stessa. 3 Ansoff H.I., Corporate strategy, 1965, McGraw-Hill, New York. (trad. it. La strategia aziendale, 1968, Etas Libri, Milano.).

Anteprima della Tesi di Federico Colasanti

Anteprima della tesi: Il posizionamento strategico come fonte del vantaggio competitivo, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Federico Colasanti Contatta »

Composta da 292 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 19070 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 95 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.