Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Piani Energetici e Ambientali Comunali: definizione dei criteri per la scelta degli interventi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO 1 Riferimenti normativi valore costante di 20 °C con un adeguato ricambio d'aria. Vengono fissate le norme di esercizio e manutenzione degli impianti termici e i relativi controlli. Oltre al DPR 412/1993 sono stati emanati altri decreti e circolari per sviluppare e rendere operanti le linee guida fornite dalla Legge 10/91. Un altro provvedimento successivo è la Deliberazione 25 febbraio 1994 (Approvazione del programma nazionale per il contenimento delle emissioni di anidride carbonica entro il 2000 ai livelli del 1990) con cui il CIPE (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica) approva il Programma nazionale per il contenimento delle emissioni di anidride carbonica entro l'anno 2000 ai livelli dell'anno 1990, in seguito alle risultanze della Conferenza delle Nazioni Unite sull'ambiente e lo sviluppo (UNCED) di Rio de Janeiro del 1992, ed in seguito alla convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (Toronto 1988). Nel testo della delibera sono riportate le emissioni di anidride carbonica al 1990 (421 MTON) e le stime delle emissioni provenienti dall'uso dei combustibili fossili. Per il 65% queste sono attribuite al consumo di petrolio, per il 21% al gas naturale, il restante 14% è da attribuire al consumo di combustibili solidi. Per quanto riguarda gli usi finali le emissioni sono attribuite per il 31% all'industria, per il 26 % ai trasporti, per il 22% al settore civile, per il 10% alle attività terziarie, per il 6% al settore della raffinazione, per il 5% agli altri usi. Viene anche fornito uno scenario di emissioni al 2000, nell'ipotesi che non venga apportato alcun intervento di riduzione. Sulla base dello scenario definito dal PEN del 1988, ad un fabbisogno totale tendenziale di energia primaria per il 2000 di 188 MTEP corrispondono emissioni di anidride carbonica per circa 488 MTON. Infine nella delibera vengono indicate misure e strumenti per la riduzione delle emissioni di anidride carbonica, da perseguire mediante strumenti economici, normativi, misure volontarie, diffusione dell'informazione ed investimenti diretti. 18

Anteprima della Tesi di Antonio Randazzo

Anteprima della tesi: Piani Energetici e Ambientali Comunali: definizione dei criteri per la scelta degli interventi, Pagina 16

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Antonio Randazzo Contatta »

Composta da 437 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4174 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.