Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Attività di previsione dei corsi azionari

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO PRIMO Un approccio induttivo: l’analisi tecnica 10 Elliott diede ai suoi studi anche un valore previsionale rispetto alle evoluzioni dei mercati: punto questo che differenzia la visione di Dow da quella di Elliott. Quest’ultimo fornisce all’analista dei segnali relativi a momenti di minimo o massimo del mercato consentendo così di operare in anticipo rispetto a un approccio “alla Dow” che consente di entrare in una posizione solo dopo che il trend si é formato. Elliott identifica tre elementi particolarmente importanti ai fini della teoria 29 : 1. pattern 2. ratio 3. tempo I pattern rappresentano l’elemento più importante della teoria, Elliot parte da una figura principale che indica un ciclo completo costituito da cinque onde rialziste e tre ribassiste (vedi figura 1.1). Il punto fondamentale della teoria delle onde é riferito al concetto di ciclo, inteso come disegno all’interno del quale sono identificati ulteriori cicli, di volta in volta sempre più piccoli. Partendo dal grande superciclo, che può durare fino a 200 anni, Elliott identifica altri otto cicli, sempre più brevi, fino ad arrivare al subminuette, della durata di poche ore (vedi tabella 1.2). Poiché ogni ciclo ne contiene un altro, è fondamentale la misura del grado di inclinazione dell’onda che si sta studiando 30 . Accanto ai pattern assume importanza il ratio, che rappresenta la percentuale di ritracciamento 31 : ad ogni onda al rialzo corrisponde un ritracciamento che secondo la teoria di Elliot percorrerà in senso inverso il movimento originale in una percentuale del 38, del 50 o del 62 per cento. Tali percentuali di ritracciamento, che si riscontrano con frequenza nelle osservazioni empiriche, sono utilizzate dagli analisti per il calcolo degli obiettivi e secondo Elliott sono il risultato di una serie di numeri predefinita introdotta e divulgata per la prima volta da Leonardo Fibonacci 32 . 29 Prechter R. - Frost A. J. (1994). 30 Beckman (1992). 31 Correzione di ciascuna onda. 32 Vedi Appendice 1.3 - Leonardo Fibonacci.

Anteprima della Tesi di Alfonso Buono

Anteprima della tesi: Attività di previsione dei corsi azionari, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alfonso Buono Contatta »

Composta da 165 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3245 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.