Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Attività di previsione dei corsi azionari

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO PRIMO Un approccio induttivo: l’analisi tecnica 6 oscillazioni. L’unico indicatore del verificarsi di una fase di accumulazione é un incremento dei volumi che si protrae per settimane; ♦ Rialzo: è la fase che segue il processo di accumulazione ed é caratterizzata da un incremento dei corsi che contribuisce a creare la convinzione dell’inizio di una nuova fase di rialzo e che, inevitabilmente, comincia ad attirare sempre più investitori. Graficamente tale fase é rappresentata da una consistente crescita dei livelli di prezzo che oscillano in un canale ascendente piuttosto ampio; ♦ Speculazione: in questa fase, generalmente di durata piuttosto limitata, l’ottimismo si trasforma in euforia e coincide con l’ingresso in massa sul mercato dei piccoli risparmiatori. Questi, attratti dall’attesa di fulminei rialzi, decidono di lanciarsi nella speculazione di Borsa. In questa fase i grafici si impennano e le quotazioni salgono con un’inclinazione quasi verticale; ♦ Distribuzione: ai massimi del mercato i professionisti iniziano ad alleggerirsi vendendo proprio a coloro che, attratti dall’incremento sostenuti dei corsi, entrano nel mercato. La fase espansiva si indebolisce e si crea un movimento laterale simile a quello dell’accumulazione anche se a livelli di quotazioni più elevati; di conseguenza anche da un punto di vista grafico, si avrà lo stesso tipo di tracciato ma ad un livello più elevato; ♦ Panico e Ribasso: la crescita delle quotazioni si ferma bruscamente e gli operatori cercano di vendere ad ogni prezzo. In questa fase gli operatori che hanno acquistato per ultimi cedono alla tensione e rimettono sul mercato i titoli in loro possesso a prezzi inferiori a quelli d’acquisto. Questa fase si conclude quando il mercato inizia a muoversi nuovamente in maniera orizzontale, segno che una nuova fase di accumulazione ha avuto inizio. Vorremmo soffermarci brevemente per definire cosa si intenda con “movimento laterale”. Nel mercato il movimento dei corsi azionari è definito laterale, quando lo stesso si sviluppa in una direzione orizzontale piuttosto che in modo ascendente o discendente. Tale configurazione, che prende il nome di congestione, si identifica come un movimento dei corsi durante il quale gli indici non fanno registrare scostamenti superiori al 5% della propria media. Tali movimenti possono indicare sia accumulazione sia distribuzione. In tali situazioni di incertezza gli operatori sono spesso disorientati;

Anteprima della Tesi di Alfonso Buono

Anteprima della tesi: Attività di previsione dei corsi azionari, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alfonso Buono Contatta »

Composta da 165 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3246 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.