Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Attività di previsione dei corsi azionari

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO PRIMO Un approccio induttivo: l’analisi tecnica 8 semplicemente essere un segnale che il mercato non ha più la stessa forza per continuare il trend in corso quindi non é necessariamente un segnale di allarme. William D. Gann è considerato un importante esponente per la storia dell’analisi tecnica 23 . Nato nel 1878 e scomparso 1955, riuscì ad accumulare un patrimonio superiore a 50 milioni di dollari (malgrado la crisi finanziaria del ‘31-’33). Come Dow, Gann fece ricerche sulle serie storiche dei prezzi e giunse alla conclusione che i mercati sono governati da leggi e da precise regole, legate al loro ciclico e ricorrente riproporsi ed al comportamento degli operatori. Pertanto, ciascun mercato tenderà sempre a cercare un proprio equilibrio che, nonostante le fluttuazioni dei prezzi e il ritmo discontinuo dei progressi e dei regressi, é in misura approssimativa prevedibile. La componente psicologica è alla base del pensiero di Gann, in quanto egli stesso nell’estendere la sua teoria considera due tipi di capitale: uno monetario ed uno psicologico 24 . Proprio quest’ultimo è, secondo Gann, il più importante e deve essere protetto da stress, emozioni e lavoro inutile, asserendo: “…chi spreca il capitale psicologico é nelle peggiori condizioni per preservare quello monetario…” 25 . Considerando un mercato in cui la tendenza principale sia definita, é possibile tracciare trendlines rialziste o ribassiste partendo da un punto particolare definito pivot point, che consente di attribuire ad ognuna di esse un determinato coefficiente angolare 26 . Gann definisce infatti la linea a 45 gradi come linea della vita del grafico; tale linea, detta anche linea 1*1, indica il perfetto equilibrio tra la variabile del tempo e quella del prezzo, che in tal modo risultano correlate (vedi tabella 1.1). Se da un minimo si traccia una linea con tale coefficiente angolare ed i corsi si muovono al di sopra di essa, si desume che il rialzo sia destinato a durare; viceversa, la rottura verso il basso della linea 1*1 è un importante segnale ribassista che apre nuovi scenari. La linea 1*1 rappresenta un equilibrio ideale per cui non esistono situazioni di eccessiva sopravvalutazione o sottovalutazione. 23 Maggi M. (2000). 24 Mikula (1996). 25 Gann W. D. (1951, pag 78). 26 Galati L. (1998).

Anteprima della Tesi di Alfonso Buono

Anteprima della tesi: Attività di previsione dei corsi azionari, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alfonso Buono Contatta »

Composta da 165 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3245 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.