Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modelli eziopatogenetici nelle teorie dei sistemi motivazionali: un confronto fra il modello cognitivo-evoluzionista di G. Liotti e la prospettiva psicoanalitica di J. D. Lichtenberg

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 1.2.1 I biosocial goals Avendo individuato la dinamica dell’evoluzione e sottolineato la natura indiretta delle strategie e degli obiettivi che gli organismi sociali adottano e perseguono, possiamo ora addentrarci nell’analisi della natura delle mete biosociali, dei biosocial goals, come li definisce Gilbert (1989), che rivestono un ruolo di primo piano nella definizione degli SMI utilizzata da Liotti nella sua prospettiva cognitivo-evoluzionista. L’ottica in cui Gilbert indaga la natura dei biosocial goals è quella che guarda ad essi come veicoli della inclusive fitness, ovvero, come abbiamo già avuto modo di vedere, il successo nel perseguimento dei biosocial goals favorisce la inclusive fitness. I biosocial goals sono quattro: ™ Competizione per il potere ™ Ricerca di cure ™ Fornitura di cure ™ Cooperazione La competizione per il potere, la meta sociale più antica in termini evoluzionistici, viene considerata principalmente in termini di comportamento individuale all’interno di una relazione sociale, anche se esiste in altri domini della vita. Essa è vista come relativa a quelle situazioni in cui un individuo è in diretta competizione con un altro per determinate risorse, oppure per la realizzazione di qualche desiderio e a quella in cui grossa parte della strategia consiste nel bloccare le opportunità dell’altro di accedere a tali obiettivi. In sintesi, nella ricerca del potere e della dominanza. Nel corso dell’evoluzione, in quelle specie in grado di produrre un comportamento sociale, la competitività individuale si è progressivamente adattata e modificata trasformandosi in cooperazione.

Anteprima della Tesi di Fabiano Sarti

Anteprima della tesi: Modelli eziopatogenetici nelle teorie dei sistemi motivazionali: un confronto fra il modello cognitivo-evoluzionista di G. Liotti e la prospettiva psicoanalitica di J. D. Lichtenberg, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Fabiano Sarti Contatta »

Composta da 182 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5785 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.