Skip to content

L'impèrialisme colonial italien depuis Crispi jusqu'à l' Impero

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
sence italienne dans la Régence était importante, ce qui accentuait les espoirs italiens de voir la Tunisie devenir une colonie italienne. La France a également des visées sur la Tunisie et sera appuyée dans ses projets par les autres grandes puissances dont l'Allemagne. En effet, le Chancelier Bismarck poussera la France vers la Tunisie dans le but de détériorer ses relations avec l'Italie et attirer cette dernière dans le camp allemand. Le consul général Maccio mène en Tunisie une poli- tique active en faveur des 10 000 colons italiens installés sur place. Voyant le danger arriver, « en mai 1881, un corps expéditionnaire français impose au gouvernement beylical le traité de protectorat du Bardo sans que l'Italie, dépourvue d'armée et de flotte, put intervenir. Cette humiliation provoque en Italie une profonde vague d'hostilité à l'égard de la France » 19 . Cette affaire de Tunis, même si elle contri- bue à l'accentuation de la volonté d'expansion coloniale de l'Italie, met en avant les énormes difficultés que rencontre les Italiens lors- qu'ils veulent mettre en application leur volonté d'expansion. En ef- fet, lorsque l'Italie commence à devenir une grande puissance, c'est-à- dire ver 1880-1881, il reste peu de territoires intéressants à conquérir en Afrique, et comme le montre l'affaire de Tunis, l'Italie trouvera toute la rive méridionale de la Méditerranée fermée à ses ambitions coloniales. Les ambitions italiennes se tournent alors vers les côtes orientales de l'Afrique. Ceci était vu d'un bon oeil par la Grande-Bretagne, et « cette entreprise allait être favorisée par le Cabinet St-James, dési- reux de battre en brèche par tous les moyens l'influence française, alors très grande en Egypte et au Soudan » 20 . Les Italiens vont pro- gressivement s'accaparer (entre 1877 et 1880), par l'intermédiaire du missionnaire Giuseppe Sapeto, les territoires proches de la baie d'As- sab. Suite à de graves tensions entre Egyptiens et Italiens, le gouver- nement britannique intervint et reconnaissait le 15 mai 1882 la souve- raineté et la possession de l'Italie de la baie d'Assab. La Société Ru- battino procéda alors au transfert de propriété et l'Italie, par la loi du 5 juillet 1882, fit d'Assab sa première véritable colonie. Après avoir acquit la baie d'Assab, le débat sur la politique coloniale à suivre continuait au sein du gouvernement italien, qui était convaincu de la nécessité de renforcer ses positions acquises dans la mer Rouge. Une expédition militaire pour occuper Massaouah se préparait, tandis que « les députés de Renzis, di Camporeale, Oliva et Canzi rappelait au gouvernement que l'objectif de la politique coloniale restait la Médi- 19 Pierre Milza, Les relations internationales de 1871 à 1914, éditions Armand Colin, collec- tion Cursus, deuxième édition, Paris, 1995, page 29. 20 André Touzet, Le problème colonial et la paix du monde, volume 2, Librairie du Recueil Sirey, Paris, 1938, page 5.
Anteprima della tesi: L'impèrialisme colonial italien depuis Crispi jusqu'à l' Impero, Pagina 8

Preview dalla tesi:

L'impèrialisme colonial italien depuis Crispi jusqu'à l' Impero

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Vaccarello
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1995-96
  Università: Universite Libre de Bruxelles
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Paule Bouvier
  Lingua: Francese
  Num. pagine: 105

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

colonialisme
colonie
crispi
impèrialisme colonial italien
impero
italien

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi