Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Riflessi organizzativi delle strategie di gestione dei rischi nelle imprese bancarie: i rischi operativi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 b. Le esigenze dei creditori (quali obbligazionisti e depositanti) il cui unico interesse è essere ripagati e risulta quindi importante che il valore dell’azienda (espressione non solo del capitale ma di tutti gli asset iscritti in bilancio e non) non sia inferiore a quello dei debiti che essa ha contratto.10 c. Le esigenze degli azionisti, che si pongono da una visuale completamente diversa interessati solamente a ricevere una remunerazione ai propri investimenti adeguata al rischio sopportato. Considerando il punto di vista dei vari stakeholder potremmo giungere a diverse definizioni di capitale quali ad esempio 11: � Capitale effettivo: rappresenta l’ammontare di risorse effettivamente disponibili compresi gli asset intangibili oltre a capitale sociale, riserve e plusvalenze finanziarie e non, che possono mantenere, ragionevolmente, un valore in caso di fallimento della banca. 9 Dato dalla possibilità che la crisi di una banca possa trasmettersi ad altri operatori finanziari generando un effetto domino 10 A questo riguardo Merton interpreta il capitale come la titolarità di un’opzione call iscritta sul valore dell’impresa, ceduta dai creditori alla proprietà dell’impresa stessa ed esercitabile a scadenza tramite il rimborso del debito. Se alla scadenza il valore dell’impresa è maggiore del valore del debito allora la call è in the money e viene esercitata dai proprietari, se invece è il valore del debito ad essere superiore al valore dell’impresa, la call è out of the money e non viene esercitata lasciando l’impresa nelle mani dei creditori che potranno rivalersi sul valore contingent degli asset aziendali.Con tale analogia Merton lega il valore (ed il ruolo) economico del capitale con la probabilità d’insolvenza dell’impresa. Cfr MASERAR. e MAINO R. (2002), op. cit. pag.10 11 TROIANI M. (2000), op cit.

Anteprima della Tesi di Marco D'abbruzzo

Anteprima della tesi: Riflessi organizzativi delle strategie di gestione dei rischi nelle imprese bancarie: i rischi operativi, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco D'abbruzzo Contatta »

Composta da 194 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3721 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.