Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Riflessi organizzativi delle strategie di gestione dei rischi nelle imprese bancarie: i rischi operativi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

19 credito, del requisito patrimoniale per i rischi di mercato e, con l’entrata in vigore del Nuovo Accordo, del requisito patrimoniale per i rischi operativi. Affinché le banche siano sufficientemente capitalizzate per le Autorità di Vigilanza, tale coefficiente non deve risultare inferiore all’8%. 1.3 Il Risk Management in banca Guardando, invece, al ruolo “economico” del capitale, diviene necessario per la banca gestire correttamente questa risorsa scarsa. A tal proposito la banca, alloca, in senso figurativo, le risorse patrimoniali a disposizione per la copertura dei rischi, alle varie Business Unit in cui è articolata la propria attività, servendosi di misure in grado di valutare correttamente le performance reddituali e che consentano un continuo monitoraggio delle esposizioni a rischio della banca affinché queste siano coerenti con le scelte strategiche operate in relazione alla propensione al rischio della proprietà e al target di redditività desiderato. La propensione al rischio deve, tra l’altro, essere comunicata al mercato che in questo modo può formarsi le corrette aspettative di reddito.

Anteprima della Tesi di Marco D'abbruzzo

Anteprima della tesi: Riflessi organizzativi delle strategie di gestione dei rischi nelle imprese bancarie: i rischi operativi, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco D'abbruzzo Contatta »

Composta da 194 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3721 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.