Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Uno studio empirico sui canali di diversificazione del rischio: il caso dei paesi dell'Unione Monetaria Europea

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione possibilità di neutralizzare non solo gli shock transitori, ma anche quelli duraturi che, in assenza di redistribuzione interpersonale dei rischi, modificano invece il livello di reddito permanente e del consumo. Le maggiori implicazioni del risk sharing solitamente sottoposte a verifica sono due. In primo luogo dovrebbe risultare un’elevata correlazione tra i tassi di crescita dei consumi degli agenti economici (coefficiente teoricamente pari a 1 in presenza di completa neutralizzazione dei rischi idiosincratici) e comunque di entità superiore alla correlazione tra i tassi di crescita del reddito. In secondo luogo, la correlazione tra i singoli tassi di crescita del consumo e altre variabili esplicative deve essere nulla, una volta che si siano considerati i tassi di crescita del consumo a livello globale. In ciascun periodo quindi, la variazione dei consumi sarebbe soggetta soltanto a shock globali non diversificabili; la variabilità del consumo a livello globale dovrebbe spiegare interamente la variabilità dei consumi individuali e nessun altro fattore esplicativo della dinamica del consumo dovrebbe essere significativo. I comportamenti di risk sharing sono stati studiati in diverse analisi e per diversi soggetti quali nazioni, regioni, famiglie, ecc. Una rassegna dei principali studi riguardanti il risk sharing viene fornita nel primo capitolo. Tutti questi studi sono tuttavia concordi nell’affermare che esiste un’assicurazione solo parziale del reddito e del consumo. Nonostante risulti un risk sharing molto limitato tra i soggetti, è comunque importante quantificarne l’estensione e, soprattutto, è importante identificare i canali attraverso i quali il rischio è condiviso, nonché misurare l’ammontare di risk sharing ottenuto con ciascun canale. Questo è ciò che si è tentato di fare nel secondo capitolo per i paesi appartenenti all’Unione Monetaria Europea, seguendo il modello proposto da Sorensen e Yosha (1998) di scomposizione della varianza cross-sectional degli shock sul reddito a livello internazionale. Nell’ottica del risk sharing internazionale si possono identificare diversi meccanismi per condividere il rischio tra i paesi. I cittadini o i governanti di un paese possono acquistare diritti sull’output prodotto in un altro paese. Ad esempio, se i fondi comuni o i fondi pensione in un paese investono a livello

Anteprima della Tesi di Angela Parenti

Anteprima della tesi: Uno studio empirico sui canali di diversificazione del rischio: il caso dei paesi dell'Unione Monetaria Europea, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Angela Parenti Contatta »

Composta da 189 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1269 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.