Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Regolamentazione finanziaria e vigilanza globale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo I : La necessita� della vigilanza 13 Analogamente, secondo l�ipotesi di perfezione del mercato, non troverebbe spazio alcuna argomentazione a favore dell�esistenza degli intermediari finanziari, ovvero di qualunque teoria dell�intermediazione finanziaria. Infatti, se si muove dall�assunto che il mercato sia perfettamente competitivo, che gli scambisti primari siano perfettamente razionali e che dispongano tutti della stessa informazione o di informazione totale, che l�esito dello scambio non sia condizionato dall�incertezza e che lo scambio non comporti per le parti alcun costo di transazione, non necessita alcun intermediario. Tuttavia una simile visione walrasiana dei sistemi finanziari � sistematicamente smentita dal verificarsi di una serie di market failures che costituiscono la principale giustificazione sia della nascita degli intermediari sia della loro regolamentazione. A) Asimmetria informativa e comportamento opportunistico Nel contesto di ogni scambio finanziario si evidenzia come gli scambisti potenziali dispongono di informazione limitata o incompleta in merito all�esito prevedibile (rischio-rendimento) del contratto finanziario. Tale situazione di inadeguatezza dell�informazione, peraltro, riguarda sia la sua quantit� (quantit� di conoscenza domandata ed offerta, quantit� stock disponibile), sia la sua qualit� (attendibilit� e incertezza della fonte e dell�oggetto). Il rapporto fra i potenziali scambisti � condizioni oggettive e soggettive comprese � � perci� strutturalmente caratterizzato da una situazione di asimmetria informativa a svantaggio originario dell�investitore. Questo stesso, inoltre, subisce il rischio del cd. comportamento opportunistico (moral hazard) della controparte, che � in grado di sfruttare la

Anteprima della Tesi di Matteo Massimiliano Gianasso

Anteprima della tesi: Regolamentazione finanziaria e vigilanza globale, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Matteo Massimiliano Gianasso Contatta »

Composta da 278 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3237 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.