Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Regolamentazione finanziaria e vigilanza globale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo I : La necessita� della vigilanza 15 La semplice condizione di asimmetria informativa pu� costituire un fattore di incompletezza dello scambio in una rappresentazione statica dello scambio finanziario e della realt�. Qualora la stessa si inscriva, invece, in un ambito dinamico, e associata alle ipotesi di comportamento opportunistico degli operatori informati e di aspettativa razionale degli operatori non informati, pu� risultare un fattore di instabilit� e di crescente imperfezione, al limite del fallimento del mercato stesso. Di qui la necessit� di regolamentare le azioni e i processi produttivi degli attori della domanda e dell�offerta, ed i loro meccanismi di scambio nei mercati. In tal senso, dunque, regolamentare il sistema finanziario significa, a ragione, spiegarne e fondarne l�esistenza stessa. B) La divergenza delle preferenze degli scambisti Un ulteriore argomentazione a difesa della presenza di intermediari finanziari controllati e agenti in un mercato regolamentato � la (ineliminabile e irrisolubile) divergenza tra le preferenze. Ogni scambio per sua natura razionale riflette sistematicamente le aspettative dei soggetti che lo stesso intraprendono. Tali aspettative, a loro volta, derivano dalla propensione personale al rischio, sempre assumendo sufficiente la quantit� di informazioni disponibile per entrambi. In breve, se il rischio e la scadenza impliciti nella domanda di risorse finanziarie del potenziale prenditore fossero superiori ai livelli massimi di accettazione del datore potenziale, lo scambio non potrebbe avere luogo, a meno che ovviamente le caratteristiche intrinseche dello strumento oggetto dello scambio e l�organizzazione del mercato non consentano di conciliare le divergenti preferenze originali di scambio.

Anteprima della Tesi di Matteo Massimiliano Gianasso

Anteprima della tesi: Regolamentazione finanziaria e vigilanza globale, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Matteo Massimiliano Gianasso Contatta »

Composta da 278 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3237 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.