Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Regolamentazione finanziaria e vigilanza globale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo I : La necessita� della vigilanza 7 prezzo praticabile dal monopolista possa essere inferiore rispetto a quello di equilibrio, quest�ultimo definito in riferimento alle condizioni di concorrenza perfetta. Gli interventi sulla struttura del mercato possono essere, inoltre, ispirati dalla volont� di limitare la rivalit� tra le imprese del settore attraverso l�innalzamento di barriere artificiali alla concorrenza. Questa ipotesi di regolamentazione � stata oggetto di accese critiche 5 , in quanto oltre a condurre alla realizzazione di rendite cd. da posizione, viene spesso percepita come un tentativo di �catturare� la regolamentazione deviandola verso fini particolari. Non vi � dubbio, infatti, che quando siano le imprese a richiedere servizi di regolamentazione si producono effetti che distorcono il libero gioco delle forze del mercato, determinando conseguenze potenzialmente lesive degli interessi della collettivit�. Esistono, tuttavia, ulteriori motivazioni, estranee alla struttura del mercato, che inducono a sostituire la �mano invisibile� del mercato con quella tangibile dello Stato 6 . 5 Senza la pretesa di esaurire l�argomento, ed esulando lo stesso dal tema di questa trattazione, � utile riportare due delle critiche pi� significative esposte a tal riguardo. Con specifico riferimento al sistema bancario, Onado osserva come manchi una dimostrazione definitiva circa l�esistenza di condizioni strutturali di monopolio nei mercati creditizi, e che il verificarsi di situazioni di concorrenza limitata pu� essere originato dai controlli che ostacolano la contendibilit� dei mercati. Onado M., Objectives of banking regulation: the trade-off between efficiency and stability, in UK Banking Supervision, a cura di Gardener E., London, Allen & Unwin, 1986. Nello stesso senso si esprime Forestieri, che contesta l�ipotesi secondo cui un aumento della concentrazione debba determinare univocamente un aumento del potere di mercato. La relazione causale �pu� essere, infatti, invertita se le banche pi� efficienti sono in grado di conquistare quote di mercato e di aumentare la concentrazione del settore (la traduzione � mia, nda)�. Forestieri G., Economies of scale and scope in the financial services industry. A review of recent literature, Milano, Universit� Bocconi, 1992. 6 � famosa l�osservazione di Kane, secondo cui le due �mani� solo occasionalmente lavorerebbero per il raggiungimento del medesimo obiettivo e spesso, anzi, l�una tenderebbe a neutralizzare negli effetti quello che l�altra ha appena costruito. Kane E., Good intentions and unintended evil, in �The Journal of Money Credit and Banking�, n. 1, 1977.

Anteprima della Tesi di Matteo Massimiliano Gianasso

Anteprima della tesi: Regolamentazione finanziaria e vigilanza globale, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Matteo Massimiliano Gianasso Contatta »

Composta da 278 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3237 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.