Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La figura di Hitler in alcuni quotidiani tedeschi (1923-1933)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 INTRODUZIONE «Das deutsche Reich ist eine Republik»: 1 già dall’affermazione iniziale della Costituzione, la Repubblica di Weimar è stata contraddittoria; questo non si è risolto negli anni, e il breve periodo d’oro tra il 1924 e il 1928, quando i violenti contrasti interni sembrarono appianarsi, non impedì l’ascesa al potere di Hitler. Per questo è stato interessante vedere dall’interno, coi mezzi di informazione che abbiamo oggi, la coscienza che le varie forze presenti nella Repubblica avevano di sé. Questi mezzi sono i quotidiani. Questa tesi si propone di analizzare il cambiamento di prospettiva che ebbe la stampa di Weimar nei confronti di Hitler e del suo partito, partendo dal putsch fallito a Monaco e arrivando fino alla chiusura dei quotidiani che non si vollero piegare ai dettami del regime nazista. Dopo il 1933 la stampa di Weimar non si può più considerare indipendente e non ha quindi più senso confrontare le posizioni prese dai giornali rispetto ai vari avvenimenti. I quotidiani utilizzati come fonti sono stati Frankfurter Zeitung, Vossische Zeitung, Vorwärts, Deutsche Allgemeine Zeitung, 1 «Il regno tedesco è una repubblica»

Anteprima della Tesi di Ilaria Micaela Linetti

Anteprima della tesi: La figura di Hitler in alcuni quotidiani tedeschi (1923-1933), Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Ilaria Micaela Linetti Contatta »

Composta da 274 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7205 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.