Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo strategico degli intangibles nel crisis management

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 processi di gestione delle crisi. 17 Tali ricerche si sono concentrate soprattutto dagli anni ’70 fino agli inizi degli anni ’80 mentre non sembrano aver conosciuto rilevanti sviluppi negli anni recenti a meno che non si considerano contributi che fanno riferimento solo marginalmente al fenomeno delle crisi d’impresa. In Italia l’approccio agli studi aziendali è completamente diverso rispetto a quello dei paesi anglosassoni. Le ricerche Italiane si distinguono fondamentalmente per una visione unitaria della realtà aziendale e per un approccio di analisi di tipo teorico. Questo ha portato a considerare sempre con molta prudenza sia le analisi che scompongono il sistema aziendale in comparti specializzati, sia quelle che hanno come obiettivo di fissare norme di comportamento anziché teorie che aiutino a comprendere la natura aziendale. Anche per Zappa 18 «accrescere la facoltà di discernere è l’unico mezzo per il quale le teorie astratte, e non i precetti, possono riuscire di valido sussidio nella soluzione della grande varietà delle complesse questioni suscitate dall’amministrazione economica d’azienda»(ZAPPA 1954; p. 20). Tale visione della materia si rispecchia anche negli studi aventi come oggetto le crisi d’impresa, di cui riportiamo sinteticamente i contributi più importanti. 17 Gli autori francesi più significativi sono: Loiseau e Dupont che partendo dall’ analisi di casi aziendali evidenziano le specificità delle crisi per le PMI indicando come fattori causali le restrizioni creditizie, la concentrazione del fatturato su pochi clienti, limitati investimenti in R&S e la scarsa attenzione al mercato; Malecot che attraverso l’analisi di casi aziendali mette in luce le circostanze che espongono le imprese al rischio di crisi come: la congiuntura economica negativa, l’aumento del costo del denaro, una struttura finanziaria squilibrata oppure uno sviluppo non controllato. Cfr. LOISEAU B. e DUPONT C. (1981) Facteurs de succès et d’èches dans le PME, Revue Française de Gestion, settembre – ottobre, pp. 20 - 25; MALECOT J.F. (1981), Essai d'explication théorique et pratique des défaillances d'entreprises, Revue Française de Gestion settembre – ottobre, pp. 10 – 19. 18 ZAPPA G. (1954), Le produzioni nell’economia delle imprese,Giuffrè, Milano.

Anteprima della Tesi di Gennaro Piccirillo

Anteprima della tesi: Il ruolo strategico degli intangibles nel crisis management, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Gennaro Piccirillo Contatta »

Composta da 315 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3929 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.