Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nuove frontiere per la valutazione: un possibile approccio per un progetto di iniziativa comunitaria

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1.1.1.1 La valutazione di efficacia Il confronto può essere fatto con i seguenti termini: • un obiettivo da raggiungere; • uno standard cui uniformarsi; • la situazione che si verrebbe a determinare in assenza dell’azione; • le diverse alternative (o agenti) per l’esecuzione dell’azione; • la domanda di servizio da soddisfare. La valutazione di efficacia delle politiche pubbliche è generalmente distinta in due categorie fondamentali: • efficacia interna (o gestionale), intesa come capacità di raggiungere gli obiettivi o i risultati attesi fissati a priori dai decisori; • efficacia esterna (o sociale), intesa come capacità del prodotto/servizio offerto dal decisore di soddisfare i bisogni degli utenti. Nel primo tipo di valutazione ci si preoccupa di confrontare risultati attesi con quelli ottenuti senza necessariamente chiedersi se i primi sono coerenti con i bisogni della collettività; nel secondo ci si chiede se i risultati ottenuti, al di là della loro coerenza con quelli programmati, hanno davvero assolto, e in quale misura, ai bisogni sociali che rendono necessario l’intervento (Palumbo, Vecchia, 1996). Nel caso di azioni una tantum, volte alla produzione di un bene o di un servizio, la valutazione più opportuna è quella che pone l’accento sul confronto tra quanto realizzato e quanto preventivato in termini di tempi, costi e caratteristiche dell’opera: in questi casi l’efficacia è sinonimo di rapporto tra risultati ottenuti e attesi. In altri casi è prevalente un criterio di confronto basato su standard qualitativi che possono riguardare sia il processo produttivo sia il prodotto. In tutti i casi una domanda che dovrebbe animare il processo di valutazione dovrebbe essere: cosa sarebbe successo in assenza di tale campagna?

Anteprima della Tesi di Enrico Rancan

Anteprima della tesi: Nuove frontiere per la valutazione: un possibile approccio per un progetto di iniziativa comunitaria, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Statistiche

Autore: Enrico Rancan Contatta »

Composta da 164 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1088 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.