Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Mediatore europeo e la figura dell'Ombudsman nei Paesi Scandinavi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3. Con le invasioni barbariche e la decadenza delle amministrazioni municipali il defensor civitatis entrò in una fase di declino, e vi sono ancora testimonianze della sua presenza solo presso i Franchi. 10 In realtà, anche in epoca medievale e soprattutto con la nascita degli stati monarchici assoluti, ai sudditi era riconosciuta la facoltà di portare all’attenzione del potere le proprie doglianze e proteste rivolgendosi direttamente alle istanze competenti. In una fase successiva l’esame dei reclami venne affidato a fiduciari del potere sovrano incaricati di questo specifico compito, come ad esempio i maîtres des requêtes operanti in Francia, 11 anche se non esistevano ancora procedure formalizzate che garantissero i diritti dei sudditi, e l’accoglimento delle richieste di questi ultimi era sostanzialmente rimesso all’arbitrio dei funzionari stessi. All’interno dei regni era in atto un processo di accentramento delle funzioni di governo e in senso lato “pubbliche” e a questo carico di nuovi compiti si cercava di fare fronte con la crescita degli apparati amministrativi e la diversificazione e la specificazione delle loro funzioni. I rapporti tra i sudditi e le istanze supreme del potere erano di fatto improntati alla soggezione più totale dei primi e le richieste al sovrano avevano per lo più il carattere di suppliche. L’unico potere in grado di contrapporsi efficacemente alla corona era quello delle assemblee di dignitari che spesso assumevano il nome di “tribunali” ma che, in realtà, in questa fase non avevano nulla a che vedere con la funzione 10 ROMANO, Defensor civitatis, in Novissimo Digesto Italiano, Torino, 1960. 11 PADOA-SCHIOPPA, Il diritto nella storia d’Europa, Padova, 1995.

Anteprima della Tesi di Silvia Froldi

Anteprima della tesi: Il Mediatore europeo e la figura dell'Ombudsman nei Paesi Scandinavi, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Silvia Froldi Contatta »

Composta da 161 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3337 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.