Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La gestione dei talenti: approcci aziendali e prospettive individuali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Primo Capitolo: Spazio al Talento 7 Superare questi ostacoli non è compito da poco: gli specialisti di Risorse Umane non possono essere da soli, ma necessitano dell'appoggio del top- management per promuovere i cambiamenti nell'organizzazione. Esso deve impegnarsi in prima linea se vuole trasformare la funzione GRU della propria organizzazione in una fonte di vantaggio competitivo. Recenti studi sulla direzione del personale in Europa hanno anch'essi evidenziato una netta tendenza a delegare alla linea operativa alcune delle aree precedentemente presidiate dalla funzione personale, e in particolare le attività di sviluppo e formazione delle persone affidate ai capi di linea [Ratti, 2001]. Una caratteristica evolutiva della GRU in azienda che può significativamente modificare le modalità di approccio allo sviluppo delle persone. Pertanto il principale ruolo del manager sarà quello di collaborare attivamente alla creazione di un cast di eccellenti attori a cui affidare ruoli ben definiti e perfettamente adeguati alle capacità possedute. In conclusione, se la produttività degli anni Ottanta si è sviluppata in nuove metodologie di produzione, per gli anni Novanta le aziende dovranno investire più pesantemente nella capacità dei loro manager e dei loro operatori. Le opportunità per la GRU di affermarsi come funzione strategica sono quindi più che mai aperte: i responsabili delle Risorse Umane devono sentirsi attivi consulenti del personale, mantenendo forti legami con tutte le aree aziendali. Ecco allora emergere la possibilità di un nuovo ruolo per la Direzione del Personale: la fornitura di un servizio. Lo studio e l'ingegnerizzazione di prodotti che altri, la linea, utilizzeranno [Costa, 1997]. Solo così sarà possibile non veder realizzarsi una seconda alternativa, sicuramente possibile: l'azienda senza Direzione del Personale.

Anteprima della Tesi di Manuela Rognoni

Anteprima della tesi: La gestione dei talenti: approcci aziendali e prospettive individuali, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Manuela Rognoni Contatta »

Composta da 395 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11974 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 82 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.