Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strategie competitive nell'industria del software

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 1.1.3 La terza era informatica: la comparsa dei fornitori indipendenti, dal ‘69 al ’81 Ma IBM non aveva ancora terminato il suo ruolo da leader nel mercato dell’informatica. Da li a pochi anni adottò una strategia che avrebbe accelerato lo sviluppo dell’industria delle decine di software house sparse per tutto il mondo. Il 23 giugno 1969 l’azienda comunicò che dal 1970 in poi avrebbe venduto hardware, software e servizi separatamente. Non è mai stato chiarito se a spingere la IBM verso questa svolta epocale fu l’antitrust, molto influente ed attiva negli USA in quegli anni, o una precisa strategia aziendale. Fatto sta che il suo impatto sulla emergente e giovane industria del software fu notevole. Nonostante diversi prodotti software fossero in commercio già da molti anni, lo sconvolgimento – senza dubbio positivo – fu dovuto al fatto che ormai i clienti dovevano pagare per avere il software, anche se acquistato dal proprio rivenditore di hardware. Il mercato degli applicativi per le compagnie di assicurazioni fu uno dei primi ad avvertire gli effetti di questo cambiamento di rotta. Fino ad allora le compagnie o facevano sviluppare i propri prodotti

Anteprima della Tesi di Daniele Moscati

Anteprima della tesi: Strategie competitive nell'industria del software, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Daniele Moscati Contatta »

Composta da 222 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3924 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.