Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strategie competitive nell'industria del software

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 mercato furono: la Computer Associates (1976), la Oracle (1977) e la Sybase (1984). E’ interessare studiare la strategia intrapresa dalla Computer Associates. Fondata da ex dirigenti della University Computing Company, fu tra le prime grandi aziende di software ad impostare una strategia di crescita sulle fusioni ed acquisizioni. Tutte le sue mosse erano volte ad acquistare “prodotti affermati con elevati volumi di vendita” piuttosto che conoscenze e capacità tecnologiche. Alla fine del 1987 le aziende appartenenti al gruppo della Computer Associates erano 15, con un valore complessivo di 629 milioni di dollari. Fra queste vi era addirittura la stessa University Computing Company. Mentre le grandi aziende di servizi software continuavano a curare i clienti con applicazioni personalizzate, parallelamente aumentava la richiesta di pacchetti standard di applicativi aziendali. Nel frattempo la standardizzazione cominciò a dare i suoi frutti: i programmatori al momento di scrivere un nuovo codice, non dovevano più partire da zero. Infatti tutte quelle funzioni base, come l’immissioni ordini, la gestione delle buste paga ecc… potevano essere copiate dai programmi scritti precedentemente.

Anteprima della Tesi di Daniele Moscati

Anteprima della tesi: Strategie competitive nell'industria del software, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Daniele Moscati Contatta »

Composta da 222 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3924 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.