Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strategie competitive nell'industria del software

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 aveva 59 dipendenti, l’anno successivo entrò in borsa. Otto anni più tardi, nel 1967, contava 12 uffici nelle principali città americane e più di 700 dipendenti. 6 Poco dopo, altri programmatori seguirono la strada dei due ex dipendenti IBM: La Computer Sciences Corporation (CSC) è stata fondata nel 1959 da F. Jones e R. Nutt. Nel 1963 era la più grande azienda indipendente di servizi, con fatturati pari a 4 milioni di dollari. Nel 1997 era ancora una delle maggiori aziende di servizi software in tutto il mondo, con un fatturato di circa 6,3 miliardi di dollari. Nei primi anni ’60, l’industria dei servizi software è esplosa: la velocità, le dimensioni e il numero dei computer sono cresciuti in modo esponenziale. Tutto questo fermento ha creato un ambiente affamato di software, in cui i produttori di computer avevano già impegnato la maggior parte delle proprie capacità di sviluppo. La CUC, ad esempio, aveva un team di 20 programmatori che lavoravano al software del System/360 della IBM. Alla fine del 1965, negli Stati Uniti c’erano circa 45 grandi imprese: alcune impiegavano più di un centinaio di programmatori e avevano entrate annue che arrivavano fino a 100 milioni di dollari. 7 6 Cfr. 5, pag. 69

Anteprima della Tesi di Daniele Moscati

Anteprima della tesi: Strategie competitive nell'industria del software, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Daniele Moscati Contatta »

Composta da 222 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3924 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.