Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Integrazione sociale: multimedialità e teatro nel mondo del disabile fisico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

rispettare per far apparire valida una credenza, i problemi più importanti della convivenza e dell’ordine sociale. L’intensità (o la forza) di un valore misura il grado desiderabilità del valore stesso, il livello di ‘attaccamento’ che si desume, in genere, dall’intensità delle reazioni che colpiscono chi non le rispetta. Da qui dovremo soffermarci sulle norme della società, ma il discorso diventerebbe troppo lungo così usufruiamo di questo passaggio per addentraci in maniera più specifica al discorso dell’appartenenza del disabile nella società. 1.1.3 Il soggetto disabile fisico. Abbiamo detto precedentemente che gli esseri umani hanno una propria cultura singolare e collettiva e dato che anche il soggetto disabile è una persona a tutti gli effetti partecipa al proprio processo di culturizzazione. In questo iter però si denota (ricordiamo che prendiamo in considerazione solo il soggetto disabile fisico non grave) la sua difficoltà, che può essere volontaria o meno, (a causa dei limiti fisici) di esprimere e trasmettere la propria conoscenza appresa. Infatti se pensiamo a un esempio che può sembrare banale, ma che è molto esplicito nello spiegare che alcuni modelli o nello acquisto di abilità, come prendere da soli una merendina dal frigorifero, non potranno mai essere apprese dal bambino disabile fisico che si trascinerà per tutta la vita, non riusciremo mai a capire la grossa difficoltà di integrare la propria cultura con quella della collettività. Un'altra grande differenza che abbiamo ribadito come elemento fondamentale è Il linguaggio 6 . E’ vero che nella maggior parte dei casi si il linguaggio usa l’ orale, ma spesso nel ambito dell’ handicap abbiamo un uso molto particolare di segni, simboli, gesti, per non parlare poi del linguaggio iconico, proprio per aiutare sia l’apprendimento della conoscenza da parte di chi ha dei problemi e sia la possibilità di migliorare la propria comunicazione con gli altri. 6 ibidem, p. 28

Anteprima della Tesi di Elisa Maria Gallotti

Anteprima della tesi: Integrazione sociale: multimedialità e teatro nel mondo del disabile fisico, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Elisa Maria Gallotti Contatta »

Composta da 346 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11627 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.