Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I musicisti italiani e la viola d'amore nella prima metà del Settecento

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 Tra l�Inghilterra e le fiorenti citt� della Germania del nord, tra le quali anche Amburgo, intercorreva uno stretto scambio culturale e commerciale. Ci� premesso, � probabile che il suonatore tedesco di viola d�amore di cui parla Evelyn, provenisse proprio dalla Germania settentrionale e questo non pu� che rafforzare la tesi secondo la quale le origini di questo strumento dovrebbero essere ricercate in area amburghese. Le testimonianze successive provengono da due autorevoli testi del 1687 quali il Trait� de la viole di Jean Rousseau 15 e il Grund-richtiger Unterricht der musikalischen Kunst di Daniel Speer 16 . Rousseau descrive uno strumento con le medesime caratteristiche costruttive rispetto a quello descritto da Evelyn, ma attribuisce al suono un�inconsueta connotazione negativa: [�] si vede ancora oggi una specie di Viola soprano montata con corde di ottone, che si chiama Viole d�Amour: ma � certo che queste corde producono uno sgradevole effetto sotto l�archetto e che rendono un suono troppo aspro; � per questo che i francesi non si sono mai serviti di corde simili, anche se qualcuno ha voluto effettuare la prova [�] 17 Di difficile comprensione �, invece, la descrizione che Speer fa della viola d�amore nel Grund-richtiger Unterricht der Musikalischen Kunst. � opinione comune 15 JEAN ROUSSEAU, Trait� de la Viole, Paris, Ballard, 1687 16 DANIEL SPEER, Grund-richtiger Unterricht der Musikalischen Kunst, Ulm 1687. Ripr. facsimile Lipsia, Peters, 1974 17 �[�] l�on voit encore aujourd�huy une espece de Dessus de Viole mont� de chordes de laton, qu�on appele Viole d�Amour: mais il est certain que ces chordes font un meschant effet sous l�Archet, & qu�elles rendent un Son trop aigre; c�est pour cela que les Fran�ois ne se sont jamais servy de pareilles chordes, quoy que quelques-uns en ayent voulu faire l�essay [�]�, JEAN ROUSSEAU, Op. cit., p. 22.

Anteprima della Tesi di Valentina Montanucci

Anteprima della tesi: I musicisti italiani e la viola d'amore nella prima metà del Settecento, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Valentina Montanucci Contatta »

Composta da 210 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5101 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.