Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le organizzazioni non profit. Il caso polisportiva Paolo Poggi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 contro la pretesa moderna del potere statale di porsi come l’esclusiva fonte di conoscenza dei bisogni dell’individuo e, quindi, come l’unica autorità in grado di rispondere a questi in modo appropriato 3 . Solo nel caso di inadeguatezza di questi ad esercitare tale ruolo lo Stato interviene per supplire ad inefficienze strutturali. Lo stato viene così ad avere un ruolo sussidiario a quello delle organizzazioni sociali, o corpi intermedi che si presuppongono liberi e capaci di rispondere ai bisogni dei cittadini e della comunità. La sussidiarietà si finalizza all’efficacia dei servizi di pubblica utilità integrando la verticalità dell’azienda pubblica nella sua funzione sussidiaria in determinate “competenze assolute” e l’orizzontalità dell’azienda privata non profit/profit sussidiaria rispetto a “competenze concorrenti”. In questo caso si da spazio e applicazione al ruolo orizzontale del principio che si espleta nel trasferimento all’autonomia privata di compiti e funzioni non strettamente dipendenti dall’esercizio di poteri autoritativi. Con questa strategia di governance l’azienda pubblica, rilevando costi tendenzialmente contenuti, evidenziati dall’affidamento ad un’azienda privata non profit/profit, riesce a conciliare il rispetto dei vincoli di bilancio, cui è soggetto in modo inderogabile, dovendo a far fronte in modo ineludibile alla domanda della popolazione di riferimento. La realizzazione della sussidiarietà avviene attraverso il paradigma della “concorrenza collaborativa” fra gli attori pubblici e privati e ciò avviene a fronte del contesto di sussidiarietà orizzontale e verticale che rappresentano importanti pilastri del sistema. Le aziende pubbliche e private non profit/profit, in una realtà multistakeholders, di manifestazione di interessi di contesto con variabili di diversa natura e complessità, si inseriscono in una 3 Questo tipo di posizioni risentono di una concezione di stampo hegeliano dello “Stato” come compimento assoluto della libertà e fonte di ogni diritto alla persona.

Anteprima della Tesi di Davide Grilli

Anteprima della tesi: Le organizzazioni non profit. Il caso polisportiva Paolo Poggi, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Davide Grilli Contatta »

Composta da 249 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2894 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.