Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il terrorismo aereo ed il diritto internazionale attuale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

specifici atti di terrorismo e nel Progetto di convenzione generale sul terrorismo, nonché alle disposizioni operative della risoluzione 1373 adottata unanimemente dal Consiglio di Sicurezza il 28 settembre scorso e da alcuni paragonate a quelle di una vera e propria convenzione generale sul terrorismo. Bisogna, però, sottolineare fin da ora come la lotta al terrorismo aereo sia stata spesso condotta al di fuori del quadro istituito dai suddetti accordi e come gli Stati abbiano fatto ricorso piuttosto frequentemente a misure di altro tipo sia di carattere pacifico, sia implicanti l'uso della forza nel territorio di un altro Stato. Per questo, l'ultima parte del presente lavoro sarà principalmente dedicata all'esame della prassi relativa alle misure unilaterali adottate dagli Stati per reprimere atti di terrorismo aereo. Nel procedere in tale direzione, e sebbene misure del genere siano state in alcuni casi adottate indipendentemente dall'esistenza di un illecito internazionale, si affronterà innanzitutto la questione della responsabilità internazionale dello Stato sul cui territorio sia stato commesso un atto di terrorismo e quella dello Stato che appoggia in modo più o meno attivo individui o gruppi terroristici. In riferimento a quest'ultimo aspetto, si distinguerà tra le forme di sostegno che fanno sorgere una responsabilità dello Stato per fatto dei propri organi e quelle che invece, non essendo direttamente imputabili alle autorità nazionali, possono determinare soltanto una responsabilità dello Stato per fatto di privati. Ci si soffermerà quindi sulle misure di carattere coercitivo e, sebbene in pratica sia spesso piuttosto difficile tracciare una distinzione del genere, si procederà all'esame della prassi rilevante sulla base di quella che è sembrata essere la motivazione principale dell'azione. Così, dopo aver richiamato alcune posizioni elaborate in dottrina per giustificare l'uso della forza nella lotta al

Anteprima della Tesi di Emanuele D'ulizia

Anteprima della tesi: Il terrorismo aereo ed il diritto internazionale attuale, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Emanuele D'ulizia Contatta »

Composta da 225 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4158 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.