Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Potenzialità e limiti del calcestruzzo cellulare autoclavato secondo i criteri di sostenibilità ambientale e di eco-efficienza del prodotto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

La sostenibilita’ nelle costruzioni Pag.13 Città esposte ai venti freddi “Passiamo ora alle città che, al contrario, sono esposte ai venti freddi (quelli che spirano fra il tramonto e il sorgere del sole d’estate). Se i venti sono persistenti e ci sono ripari dal vento del Sud, presentano le caratteristiche che ora dirò. Le acque sono dure e, per lo più, fredde e dolci; gli uomini saranno necessariamente tesi e asciutti nella parte della ca- vità, più scorrevoli nella parte bassa; saranno più biliosi che flemmatici, presenteranno la testa sana e asciutta, saranno soggetti a lacerazioni in un numero notevole di casi........... Tali costituzioni sono necessariamente portate a mangiare molto e bere poco.” 19 3.IP Città esposte ad oriente “Ora parliamo delle città esposte ai venti che spirano tra il sorgere estivo del sole e quello invernale, e di quelle che hanno esposizione opposta, e vediamo come sono. Le città esposte a oriente è naturale sono più salubri di quelle volte a Nord e di quelle esposte ai venti caldi, anche se le separa solo uno stadio di distanza. Anzitutto perché il caldo e il freddo sono più moderati; le acque poi - quelle esposte a oriente - saranno necessariamente limpide, fragranti, tene- re; e non ci potrà essere nebbia in queste città perché il sole, che risplende al suo sorgere, lo impedisce. Gli uomini saranno di un bel colorito e fiorenti d’aspetto più che altrove,........saranno di intelligenza più pronta rispetto a chi vive in città esposte a Nord, così come sarà migliore ogni altra cosa che qui vive. Una tale città assomiglia in modo particolare alla primavera per il caldo e freddo temperati.” 20 4.IP Città esposte ad occidente “Abbiamo parlato delle città volte a oriente. Le città che in- vece sono esposte a occidente, con ripari dai venti che spi- rano da oriente, e che sono sfiorate dai venti caldi e da quelli settentrionali necessariamente si trovano in una posi- zione assai insalubre. Le acque non sono limpide, a causa della nebbia che di primo mattino si diffonde, quasi sempre, e mescolandosi all’acqua ne offusca la limpidezza. Il sole infatti non risplende prima di essere alto nel cielo. D’estate, all’alba, spirano brezze fredde e cadono rugiade. Infine il sole riscalda gli abitanti per lo più quando volge al tramonto, e perciò è naturale che siano pallidi e deboli...... Una tale posizione della città, tenuto conto dei mutamenti durante il giorno, assomiglia in modo particolare all’autunno: grande infatti è la differenza fra il mattino e la sera.” 21 5.IP E’ interessante notare come Ippocrate contrapponga l’orien- tamento ad Est con quello ad Ovest, parafrasando così la

Anteprima della Tesi di Simona Curtetti Boido

Anteprima della tesi: Potenzialità e limiti del calcestruzzo cellulare autoclavato secondo i criteri di sostenibilità ambientale e di eco-efficienza del prodotto, Pagina 12

Tesi di Dottorato

Dipartimento: Dipartimento di Ingegneria dei Sistemi Edilizi

Autore: Simona Curtetti Boido Contatta »

Composta da 220 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8276 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.