Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Potenzialità e limiti del calcestruzzo cellulare autoclavato secondo i criteri di sostenibilità ambientale e di eco-efficienza del prodotto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

La sostenibilita’ nelle costruzioni Pag.15 Ippocrate definisce un’ulteriore classificazione delle acque di sorgente a seconda dell’orientamento delle sorgenti stes- se. “........In sintesi: tutte le acque le cui sorgenti sono rivolte a oriente sono le migliori; seconde vengono quelle che stanno fra il sorgere estivo del sole e il tramonto (in particolare verso il sorgere del sole); terze quelle tra il tramonto estivo e quello invernale; scadentissime sono le acque rivolte ver- so Sud e quelle che stanno fra il sorgere e il tramonto del sole d’inverno. Queste ultime poi, se esposte ai venti meri- dionali, sono pessime; migliori se esposte ai venti setten- trionali.” 26 10.IP Acque piovane “Quelle piovane sono le più leggere, dolci, sottili e limpi- de.... Queste acque sono anche le più rapide a indurire e hanno un cattivo odore perché sono composte di moltissime acque mescolate, e così imputridiscono rapidamente...... Dob- biamo dunque aspettarci che queste acque siano le migliori; bisogna però farle bollire e purificarle, altrimenti hanno un cattivo odore e chi le beve è colpito da raucedine, tosse, voce roca.” 27 11.IP Acque derivanti da neve e ghiacci “Le acque che si formano dalla neve e dal ghiaccio sono tutte nocive, perché una volta gelate, non tornano più alla loro originaria natura. La loro parte limpida, leggera, dolce si separa nel congelamento e scompare, mentre rimane la parte più torbida e pesante......... Per questo dunque io ri- tengo che queste acque - quelle che si formano dalla neve, dal ghiaccio e le altre di questo tipo - siano le peggiori per qualsiasi uso.” 28 12.IP La parte finale del trattato esamina le differenze dei diversi popoli rapportandole a diversità di natura e di costume. Ippocrate arriva quindi alla seguente tesi finale, che si avrà l’occasione di ritrovare anche in molti autori che verranno trattati in seguito. Diversità di carattere delle popolazioni in rapporto alla collo- cazione geografica “Dove si hanno mutamenti di stagione frequenti e diversi l’uno dall’altro, troverai che anche l’aspetto, i caratteri e le nature sono differenziati al massimo. Queste differenze di natura sono le più importanti; ad esse si devono aggiungere il territorio, dove uno vive, e le acque. Troverai infatti che, in generale, l’aspetto e i costumi degli uomini sono conformi alla natura del territorio. Dove il suolo è grasso, molle, ricco d’acqua, con acque molto superficiali (sì da essere calde

Anteprima della Tesi di Simona Curtetti Boido

Anteprima della tesi: Potenzialità e limiti del calcestruzzo cellulare autoclavato secondo i criteri di sostenibilità ambientale e di eco-efficienza del prodotto, Pagina 14

Tesi di Dottorato

Dipartimento: Dipartimento di Ingegneria dei Sistemi Edilizi

Autore: Simona Curtetti Boido Contatta »

Composta da 220 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8276 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.