Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La cessione di azienda nel diritto tributario

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2.2 Le “teorie universalistiche”. La primissima dottrina nell’ultimo decennio dell’Ottocento e nei primi del Novecento, ha cercato di qualificare l’azienda come soggetto di diritto, distinto dall’imprenditore, mediante la personificazione del patrimonio aziendale, che diventava così separato ed autonomo, soprattutto in sede di circolazione. Tale teoria è stata successivamente avversata 25 in quanto si risolveva in un semplice strumento classificatorio, e perciò privo di rilevanza pratica, perché riconduceva la qualifica dell’azienda ad un patrimonio autonomo, solo ai fini ed agli effetti della vicenda traslativa che si presentava di volta in volta; sicchè, cessato tale momento “dinamico” e tale fase di circolazione, riprendeva il sopravvento la concezione dell’irrilevanza giuridica dell’azienda come entità patrimoniale. Tale teoria è nota come concezione dell’“universitas iuris o iurium”: l’azienda sarebbe così un complesso di beni e soprattutto di diritti, unitariamente considerato 26 , e la separazione del patrimonio varrebbe soprattutto nei confronti dell’imprenditore. 25 Da ultimo vedi COLOMBO, L’azienda e il mercato, cit., p. 5, il quale afferma che individuando nell’azienda un patrimonio dotato di autonomia in sede di circolazione, diventa difficile indicare un’altra norma che regoli altri patrimoni di analoghe caratteristiche; la qualificazione giuridica non serve quindi all’individuazione di una disciplina, ma rimane fine a se stessa. Quando si argomenta nel senso seguito dai sostenitori della tesi qui criticata, non si fa che attribuire un nome (quello del patrimonio autonomo in sede di circolazione) all’interpretazione data alle norme sul trasferimento di azienda. 26 FADDA E BENSA, Note alle Pandette di Windscheid, cit., pp. 491 ss.

Anteprima della Tesi di Ilaria Rizzo

Anteprima della tesi: La cessione di azienda nel diritto tributario, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Ilaria Rizzo Contatta »

Composta da 267 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7765 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 42 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.