Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Antiche e moderne idee di destino nella tragedia elisabettiana e giacomiana con particolare riferimento all’opera di John Webster

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 – Destino e tragedia mondo � il progresso nella coscienza della libert�: un progresso che noi dobbiamo riconoscere nella sua necessaria natura� 1 . Se invece si nega tale affermazione e si riconosce piuttosto la validit� della tesi espressa da Schopenhauer nella sua opera Il mondo come volontà e rappresentazione dell�insensatezza della storia, in quanto interamente dominata da una pulsione cieca ed irrazionale, la volont�, che anima tutti gli esseri viventi ed agisce di per se stessa, senza obbedire ad alcuna legge che non le sia propria, quale spazio rimane alla libert� umana di realizzarsi? Infatti mentre la visione rettilinea della storia sostenuta da Hegel rappresenta il trionfo del libero arbitrio, al punto di farlo coincidere con un elemento necessario al progresso, nella concezione circolare schopenaueriana tale facolt� sembra annientata e consegnata nelle mani di una forza imperscrutabile 2 . Siamo le marionette di un qualche oscuro burattinaio che muove i nostri fili per ragioni che non ci � dato di conoscere, o siamo liberi di tracciare il nostro sentiero esistenziale? Fin dall�antichit� sono state elaborate varie dottrine sul destino umano, le quali hanno sempre indagato il problema in stretta connessione con la questione del rapporto tra individuo e cosmo. Cos�, a seconda delle credenze filosofiche, religiose e scientifiche dominanti nelle varie epoche, si sono venute a creare diverse immagini di fato e natura umana. Infatti, la concezione fatalista greca, gi� a partire dai presofisti, � legata alla percezione che essi hanno dell�universo e della posizione occupata dall�uomo 1 G. W. F. Hegel, Filosofia della storia, a cura di C. Cesa, La Nuova Italia, Firenze 1975, p. 21. 2 A. Schopenhauer, Il mondo come volontà e rappresentazione, a cura di C. Vasoli, Mondadori, Milano 1993, �23, p. 173: �le forze inesplicabili, che si manifestano in tutti i corpi della natura, sono nella loro specie identiche a quella che costituisce in me la mia volont� (�) Anche in noi la stessa volont� agisce ciecamente: in tutte le funzioni del nostro corpo che nessuna conoscenza guida�.

Anteprima della Tesi di Eleonora Galazzo

Anteprima della tesi: Antiche e moderne idee di destino nella tragedia elisabettiana e giacomiana con particolare riferimento all’opera di John Webster, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Eleonora Galazzo Contatta »

Composta da 240 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2266 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.