Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Forme della duplicità nella drammaturgia eschilea

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Chiara Ghidelli, matr. 554476. Tesi di Laurea in Lingua e Civiltà greca, “Forme della duplicità nella drammaturgia eschilea”. Introduzione. XII Parte seconda: altre forme del doppio e della duplicità. Come abbiamo detto, le altre forme della duplicità che Eschilo porta sulla scena si relazionano con la realtà, da un lato perché ne sono un’anticipazione, come nel caso dei sogni profetici, dall’altro perché sono un modo di rappresentare il “due”, come nel caso delle coppie formate dai personaggi. I sogni profetici, visioni notturne che appaiono al dormiente, sono una duplicazione, in forma allegorica e simbolica, della realtà che avverrà, e questa loro funzione premonitoria è molto chiara, ma sono anche intimamente legati alle emozioni profonde del dormiente; nel caso di Eschilo, le destinatarie di tali sogni sono due donne, due regine, Atossa 18 e Clitemnestra 19 , che provano emozioni angosciose nei confronti della realtà che stanno sognando: le emozioni e i sentimenti del sognatore, pur non essendo in grado di creare il sogno, comunque proveniente dall’esterno, predispongono il sognatore stesso ad accogliere alcuni sogni piuttosto che altri. Il sogno, perciò, si configura anche come duplicazione e raffigurazione delle emozioni e delle preoccupazioni del sognatore, le svela nel loro significato più profondo. In entrambi i casi, i sogni annunciano che si avvereranno le rispettive angosce nel momento stesso in cui i semi di tale inveramento sono già stati gettati: il sogno è doppio della realtà non soltanto perché la precede, ma anche perché la mostra mentre si sta già predisponendo ad avverarsi. Per questo duplice legame, da un lato con il futuro, dall’altro con le 18 Per il sogno di Atossa, cfr. capitolo 3.1, pp. 80-86. 19 Per il sogno di Clitemnestra, cfr. capitolo 3.2, pp. 87-97.

Anteprima della Tesi di Chiara Ghidelli

Anteprima della tesi: Forme della duplicità nella drammaturgia eschilea, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Chiara Ghidelli Contatta »

Composta da 191 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4032 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.