Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Forme della duplicità nella drammaturgia eschilea

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Chiara Ghidelli, matr. 554476. Tesi di Laurea in Lingua e Civiltà greca, “Forme della duplicità nella drammaturgia eschilea”. Capitolo I. 3 dell’anima di una persona defunta che venga a riempire di sé la casa nella quale ha abitato: sebbene lontana, fuggita con Paride, non presente nella casa del marito, Elena è tuttavia viva. È interessante, perciò, chiedersi che cosa siano gli eu)/morfoi kolossoi/ del verso 416 e che cosa rappresentino. Vernant 1 pensa che il termine possa essere tradotto con “figurine di sostituzione”, sottolineando il fatto che tali figurine erano usate dalla magia amorosa per evocare l’assente, così come lo erano nei riti di evocazione del morto, e riconduce la sua interpretazione a uno studio di Charles Picard 2 . Picard sostiene che, in questo passo, Elena appare come una regina scomparsa, simile a un fantasma dell'oltretomba: Menelao, dopo la fuga della sua sposa, fece costriure delle “effigies qui la remplacent”, delle statue che riproducono le fattezze di Elena (dando il senso di “esattamente simile” all’aggettivo eu)/morfoj 3 ) e che sono presenti nella casa al suo posto; i kolossoi/ sono, infatti, un doppio della regina assente, immagini evocatrici della sua yuxh/, come un doppio di Alcesti è la statua che Admeto, nell’Alcesti di Euripide 4 , dice di voler fare costruire quando la moglie si accinge a scendere nell’Ade, per poter avere almeno l’illusione della sua presenza. 1 Nel capitolo relativo al kolosso/j del suo libro Mito e pensiero presso i Greci. Studi di psicologia storica, trad it. Torino, Einuadi, 1970 (cfr. Introduzione, pp. IV-XI). 2 Charles PICARD, “Le cénotaphe de Midéa et les colosses de Ménélas”, in Révue de philologie, 1933, pp. 341-354. 3 Picard ricorda, a questo proposito, che la parola è usata anche al v. 454 relativamente ai cadaveri che sono seppelliti “intatti” sotto le mura di Troia. 4 EURIPIDE, Alcesti, vv. 348-356.

Anteprima della Tesi di Chiara Ghidelli

Anteprima della tesi: Forme della duplicità nella drammaturgia eschilea, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Chiara Ghidelli Contatta »

Composta da 191 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4032 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.