Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ipertesto, metafora di pensiero

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

da sotto dalle pulsioni e regolate da sopra dai compromessi dell’ego. La seconda passione nella vita di Freud, l’archeologia, era una inesauribile fonte di metafore. Proprio come un archeologo tenta di ricostruire i contorni e gli affreschi di un edificio scomparso dai frammenti di un muro e dai cocci riportati alla luce, così lo psicoanalista deve tracciare le sue conclusioni a partire dalle associazioni e dai frammenti mnestici dei pazienti 13 ”. La molteplicità delle metafore impiegate è determinata dal carattere limitato e provvisorio della immagini usate; in una lettera a Ferenczi Freud definisce la creatività scientifica come l’interazione tra una fantasia audacemente giocosa e un senso critico implacabilmente realistico. In tutto ciò l’alternanza di metafore, paragoni e analogie è sia inevitabile che desiderabile: “in psicologia possiamo descrivere solo con l’ausilio di paragoni. Nulla di speciale, è lo stesso in qualunque altro campo di indagine. Ma noi siamo costretti a cambiare continuamente queste metafore, perché nessuna di esse puó durare per un tempo indefinito 14 ”. Secondo Draaisma “la raccomandazione di Freud ad alternare le metafore il più spesso possibile è un tentativo di trar beneficio dai vantaggi delle metafore, ed eliminare invece i loro svantaggi: se ogni filtro rende visibile un differente aspetto, è soltanto da una combinazione 15 di metafore che ci si può aspettare una immagine della realtá più completa. Sfortunatamente 13 Draaisma D., Metaphors of memory, Cambridge, Cambridge University Press, 2000, p.9. Afferma Pierre Lévy: “non si finirebbe mai di enumerare i prestiti del pensiero detto astratto (in realtà metaforico) dai modelli tecnico più quotidiani. I concetti sono non solo nomadi, passano da un campo di sapere all’altro, ma anche quasi sempre di bassa estrazione, figli di contadini, artigiani, tecnici, lavoratori manuali. La psicologia non fa eccezione a questa disposizione naturale della mente umana. La psicologia della forma, per esempio, ha largamente usato la metafora del campo elettromagnetico. La psicoanalisi ha avuto molto a che fare con i commercianti (l’investimento affettivo), con gli idraulici (la rimozione e tutta la tubatura complicata della libido) e con i fuochisti (il modello termodinamico del funzionamento psichico). La psicologia cognitiva contemporaneamente usa abbondantemente i modelli di computazione e di trattamento dei dati fornito dall’informatica.” (Lévy P., Le tecnologie dell’intelligenza. L'avvenire del pensiero nell'era informatica, Verona, Ombre Corte, 2000 p.74) 14 Citato in Draaisma D., ivi, p.8 15 Ricordiamo per inciso il valore della combinazione (Verbindung) nella rilettura Althusseriana del Capitale: La materia prima della conoscenza “è costituita dalla connessione (Verbindung) di diversi elementi: sensibili, tecnici e ideologici al tempo stesso” (D’Alessandro P., Darstellung e soggettività, Firenze, Nuova Italia, 1980, p. 97) 10

Anteprima della Tesi di Samuele Cattaneo

Anteprima della tesi: Ipertesto, metafora di pensiero, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Samuele Cattaneo Contatta »

Composta da 164 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3125 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.