Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Toy generation: riflessioni psicologiche

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Il fluido sociale si apre con la percezione fornita dal corpo, organo spaziale, per cui la sensazione, il sentire “di essere qui” è attività di conoscenza, apprendimento; prosegue con la definizione del luogo ossia posizionamento di boe, punti di riferimento, tracciamento di intenzioni e movimenti; chiude con l’ uso di questo stesso spazio, come di uno strumento involucro, protesi dalla presenza corporea. La mente locale “di luogo in luogo diversa” può essere posseduta perduta e riposseduta in un’ attività continua di percezione definizione ed uso: in questo senso noi costituiamo insieme a ciò che ci circonda, lo spazio; siamo individui ambientati, dice Merleau Ponty: il nostro corpo inerisce allo spazio. Orientamento come protezione, una guaina stretta attorno, la cui perdita provoca ansietà: perdersi significa essere alla deriva , alla mercé delle presenze dei luoghi, senza nessuna di quelle nostre sicurezze, “prese sulla realtà, dovute alla consuetudine, alla coltivazione dello spazio, al nostro o ai nostri posti nel tessuto del reale, che è la nostra cultura, il nostro mondo” 5 . Secondo un orientamento che la sociologia denomina coessenziale, tra gene e ambiente intercorre un rapporto che non può essere inteso quale contrapposizione o predominio di uno sull’ altro, bensì come interazione reciproca, interdipendenza tra parti. Binomio inscindibile di natura e cultura, termine polisemico quest’ ultimo, con più direzioni di senso 6 : - Sistema di conoscenza, di credenze socialmente distribuite fra il soggetto, gli altri e l’ ambiente: non bagaglio uniforme 5 F. LA CECLA, Perdersi, l’ uomo senza ambiente, Laterza, Bari, 1988 6 L. ANOLLI, Psicologia della comunicazione, Il Mulino, Bologna, 2002

Anteprima della Tesi di Federica Zappalaglio

Anteprima della tesi: Toy generation: riflessioni psicologiche, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Federica Zappalaglio Contatta »

Composta da 103 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2890 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.