Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La gestione del rischio dei crediti commerciali come strumento di marketing delle imprese industriali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo primo: L’appropriazione dell’extravalore. • Cino( Capitale investito netto operativo) = dotazione di capitale assegnata al management per produrre il reddito operativo netto. L’EVA è, quindi, pari alla differenza fra il reddito netto prodotto dalla gestione operativa e il costo di tutto il capitale impiegato per produrlo. Pertanto, una società crea valore (per l’azionista) solo se i suoi rendimenti sono maggiori di quelli che i suoi azionisti possono ottenere dagli investimenti del medesimo rischio. Si può, quindi, notare che il credito produce un effetto benefico sul Nopat, in quanto permette di aumentare le vendite e di conseguenza – in virtù delle marginalità stesse – di produrre maggiori redditi netti; tuttavia, tale margine incrementale può essere eroso dall’incremento dei costi che l’aumento del credito aziendale comporta, come in precedenza delineato. Ne deriva che ai fini della creazione di valore, la leva del credito va utilizzata fin tanto che il reddito incrementale netto prodotto dall’aumento del credito concesso non viene eroso dai costi finanziari, gestionali e per perdite originate dall’aumento del credito stesso. Infatti, l’effetto del credito sul “Cino” dipende dal costo finanziario ingenerato dallo stesso, come evidenzia la seguente formula: I = [( Crediti * DMV * WACC ) / 360 ] Ove “DMV” rappresenta la dilazione media di vendita che si prevede di concedere alla propria clientela. In altre parole, il ∆P della seguente formula deve essere sempre positivo: ∆P=∆R-∆C-∆A Ove: • ∆P=risultato economico incrementale • ∆R=ricavi incrementali di vendita • ∆C=costi incrementali di produzione-vendita • ∆A=costi incrementali connessi ai crediti commerciali 9

Anteprima della Tesi di Elia Maggiolo

Anteprima della tesi: La gestione del rischio dei crediti commerciali come strumento di marketing delle imprese industriali, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Elia Maggiolo Contatta »

Composta da 320 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4330 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.