Skip to content

La gestione del rischio dei crediti commerciali come strumento di marketing delle imprese industriali

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo primo: L’appropriazione dell’extravalore. In sintesi, tale provvedimento legislativo sancisce in 30 giorni il termine di pagamento qualora le parti non si accordino per iscritto (Art. 4) su termini superiori 6 e purchè questa dilazione non risulta iniqua (a vantaggio del debitore) 7 8 (Art. 7); E’ fatto salvo il diritto delle associazioni di categoria di agire in giudizio per far accertare l’iniquità delle condizioni pagamento e/o di prezzo e di ottenere provvedimenti di correzione degli squilibri (Art. 8). L’altra novità importante è che gli interessi di mora decorrono in automatico – senza necessità di costituzione in mora con raccomanda A.R. – al tasso d’interesse fissato dalla B.C.E. maggiorato di sette punti 9 (Art. 5). Il saggio d’interesse viene rivisto semestralmente con idonea pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. Ovviamente, le parti possono pattuire diversamente. Ritardi immotivati danno diritto al creditore di esigere anche le spese di recupero crediti stragiudiziali e/o legali sostenute 10 . L’ultima novità importante introdotta dal decreto testè indicato all’Art. 9, consiste nella possibilità, per il creditore, di ottenere una procedura abbreviata per le ingiunzioni al pagamento. Infatti, il tribunale competente, con procedura abbreviata appunto, può emanare il decreto ingiuntivo entro 30 giorni dalla domanda (deposito 6 Solo per i prodotti alimentari deteriorabili s’impongono 60 giorni dalla consegna o dal ritiro, senza alcun riferimento alle date delle fatture, sempre nel caso che non risulti per iscritto un termine pattuito. 7 Termini di pagamento iniqui sono considerati tali secondo un principio che, la suindicata legge, definisce “principio dell’uguaglianza”, ossia ogni debitore deve trattare (cioè pagare) il proprio creditore con lo stesso metro che applica quando egli è creditore. 8 L'accordo in deroga è nullo se risulti gravemente iniquo a danno del creditore, ai sensi dell'art. 7 del decreto legislativo 231/2002 sulla lotta ai ritardi nei pagamenti. Il legislatore fissa le circostanze rilevanti ai fini di tale giudizio, riconducibili a elementi oggettivi e soggettivi . E’ da precisare che tali circostanze non possono risultare unicamente dal documento contrattuale, ma dovranno risultare da ulteriori "prove" di natura documentale o orale. Il decreto legislativo dà un'indicazione di ciò che debba intendersi per «accordo gravemente iniquo» e cioè quello che «senza essere giustificato da ragioni oggettive, abbia come obiettivo principale quello di procurare al debitore liquidità aggiuntiva a spese del creditore».Tuttavia, l'espressione continua a rimanere vaga, perché ogni pagamento dilazionato rispetto alla fornitura procura al venditore liquidità aggiuntiva. (Fonte: Il Sole 24Ore del 14/02/03). 9 Il D. Lgs. n. 231/2002 ha introdotto nel nostro ordinamento una sorta di tutela in favore della parte che, negli scambi commerciali, viene considerata contrattualmente più debole. E questo attraverso il riconoscimento, ex-lege, di interessi di mora. Vengono fissati i tassi di interesse per i pagamenti tardivi nelle transazioni commerciali. È, infatti, stato deciso che il tasso di riferimento Bce per il periodo 1º luglio-31 dicembre 2002 è il 3,35%, mentre sul semestre 1º gennaio-30 giugno 2003 la misura del saggio è del 2,85 per cento. A ciascuna di queste percentuali va, però, sommata la maggiorazione di sette punti indicata all'art. 5 del D.Lgs. n. 231/2002. Sicché si può dire che la misura complessiva è, rispettivamente, del 10,35% (2002) e del 9,85% per i primi sei mesi del 2003. (Fonte: Il Sole 24Ore dell’ 11/02/03) 10 Per la quantificazione di tali spese si assume come parametro le tariffe forensi in uso. 3
Anteprima della tesi: La gestione del rischio dei crediti commerciali come strumento di marketing delle imprese industriali, Pagina 8

Preview dalla tesi:

La gestione del rischio dei crediti commerciali come strumento di marketing delle imprese industriali

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elia Maggiolo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Antonio Borghesi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 320

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

insolvenza
marketing
rischio di credito
credit scoring
portafoglio clienti
affidamenti
risk rating
crediti commerciali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi